La Santa Sede
           back          up     Aiuto

Catechismo della Chiesa Cattolica


IntraText - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

IN SINTESI

 

1757 L'oggetto, l'intenzione e le circostanze costituiscono le tre “fonti” della moralità degli atti umani.

 

1758 L'oggetto scelto specifica moralmente l'atto del volere, in quanto la ragione lo riconosce e lo giudica buono o cattivo.

 

1759 “Non può essere giustificata un'azione cattiva compiuta con una buona intenzione” [San Tommaso d'Aquino, Collationes in decem praeceptis, 6]. Il fine non giustifica i mezzi.

 

1760 L'atto moralmente buono suppone la bontà dell'oggetto, del fine e delle circostanze.

 

1761 Vi sono comportamenti concreti che è sempre sbagliato scegliere, perché la loro scelta comporta un disordine della volontà, cioè un male morale. Non è lecito compiere il male perché ne derivi un bene.

 

 




Precedente - Successivo

Copyright © Libreria Editrice Vaticana