The Holy See
back up
Search
riga

EPISTOLA 
CERTIORES QUOTIDIE
DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XV
AL CARDINALE GIACOMO GIBBONS,
ARCIVESCOVO DI BALTIMORA,
SULLA CONDIZIONE DELLA POPOLAZIONE MESSICANA,
VITTIMA DELLE LOTTE CIVILI, ALL'INTERNO DEL PAESE

 

Diletto Figlio Nostro,
salute e Apostolica Benedizione.

Ogni giorno Ci sentiamo più rassicurati sulla sorte di coloro ai quali soprattutto i cattolici degli Stati Uniti d’America, guidati dal venerabile Episcopato e assecondando i Nostri voti, cercano di procurare sollievo mitigando il dolore e il danno che ancora opprimono tanti fratelli della Nazione Messicana in seguito alle lotte civili che straziano quel Paese cattolico.

Inoltre sappiamo che questa fraterna carità si è rivelata efficace e copiosa con il sussidio dei giornali, dei convegni, delle sottoscrizioni e di azioni benefiche di ogni genere; sollecitati da questo spirito di carità sono stati tanti coloro che, sia per ragguardevole condizione civile, sia per censo, sia soprattutto per nobiltà d’animo e per sensibilità intellettuale hanno potuto recare soccorso, in qualunque modo, ad una causa d’estrema importanza.

Perciò è accaduto che pastori di anime assai meritevoli, sacerdoti e monaci di entrambi i sessi, profughi dalla patria, hanno potuto giovarsi di un rifugio sicuro e di umane attenzioni; è accaduto che (cosa a Noi sommamente gradita) nei seminari siano stati accolti poveri giovani messicani da educare alla speranza del sacerdozio. E così cominciarono a manifestarsi in queste regioni, da parte di tutti, quell’amore, quella cura e quella protezione degli esuli che saranno annoverati tra i più splendidi fasti della cristianità e della civiltà d’America.

Tra i molti che si dedicarono a questa opera pia, giova qui segnalare, oltre a te, diletto Figlio Nostro, e i due Padri Cardinali che eccellono con te per lo stesso merito di generosità, i venerabili Fratelli Arcivescovi di Chicago e di New Orleans insieme con i Vescovi di Springfield, Matanzas, Toledo, San Cristóbal de Habana e di Sant’Antonio, già lodato da Noi, nonché i diletti figli sac. Francesco C. Kelley, presidente della «Catholic Church Extension Society », e il religioso gesuita Recaredo Tierney, direttore del giornale « The American Press ».

Mentre a tutti costoro e ad altri ancora indirizziamo un attestato di lode e d’incoraggiamento, Ci arride la speranza che essi e quanti cristiani operano con Noi « con grande cuore e grande animo » proseguano efficacemente la salutare attività, e la incoraggino fino a quando (e confidiamo che ciò accada al più presto) l’ordine civile e la libertà cristiana saranno ripristinati nella dilettissima Repubblica Messicana.

Auspice frattanto dei beni celesti e quale testimonianza della Nostra benevolenza, a te, diletto Figlio Nostro, e a tutta la tua Archidiocesi impartiamo con grande affetto, nel nome del Signore, l’Apostolica Benedizione.

Dato a Roma, presso San Pietro, il 17 marzo 1915, nel primo anno del Nostro Pontificato.

BENEDICTUS PP. XV

 

Copyright © Libreria Editrice Vaticana

     

top