The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI
A S.E. IL SIGNOR ALEXANDRE CECE LOUA,
NUOVO AMBASCIATORE DI GUINEA

PRESSO LA SANTA SEDE*

Giovedì, 29 maggio 2008

  

Signor Ambasciatore,

sono lieto di accoglierla in occasione della presentazione delle lettere che l'accreditano come ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica di Guinea presso la Santa Sede. La ringrazio per i cordiali saluti che mi ha rivolto da parte di sua eccellenza il signor Lansana Conté, presidente della Repubblica. Voglia trasmettergli i miei voti migliori per la sua persona e anche per tutto il popolo guineano, al quale auguro di vivere nella concordia e nella pace, affinché tutte le famiglie conoscano una vita degna e prospera.

Come ha sottolineato nel suo discorso, signor ambasciatore, il dialogo fra le culture e fra le religioni è un obiettivo importante, e sono lieto di sapere che, nel suo Paese, la qualità delle relazioni fra i musulmani e i cristiani permette una collaborazione abituale, in particolare per le questioni che riguardano il bene comune della nazione. Inoltre la solidarietà fra tutti i cittadini è una condizione necessaria e primordiale affinché la società possa beneficiare dei frutti di un progresso reale e duraturo. Tuttavia, per preservare la pace sociale, è dovere dello Stato assicurare, mediante il suo impegno effettivo, una gestione giusta ed equa dei beni materiali, nel rispetto dei diritti legittimi di ognuno, e di favorire la buona intesa fra tutte le comunità umane del Paese.

In questo anno in cui celebriamo il sessantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei Diritti dell'Uomo, è particolarmente opportuno che la solidarietà si manifesti anche, e in modo efficace, fra le nazioni e che "tutti i responsabili internazionali agiscano congiuntamente e dimostrino una prontezza ad operare in buona fede, nel rispetto della legge e nella promozione della solidarietà nei confronti delle regioni più deboli del pianeta" (Discorso all'Onu, 18 aprile 2008). In questo spirito, auspico che, dopo le dolorose prove che la vostra regione ha vissuto, una cooperazione attiva consolidi la sua stabilità e incoraggi la fraternità fra i popoli, e formulo anche il voto che la comunità internazionale sostenga gli sforzi dei Paesi coinvolti.

D'altro canto, per soddisfare le aspirazioni legittime degli individui e delle famiglie, lo sviluppo integrale della Nazione si deve ispirare ai valori morali universali, che permettono di non perdere di vista l'origine e la finalità dei beni materiali e di creare una società sempre più giusta e più solidale. In questa prospettiva, è necessario dimostrare una sollecitudine particolare per le persone che sperimentano numerose forme di povertà o di fragilità. Il dovere di rispettare il diritto di ogni persona a vivere nella dignità si fonda sulla volontà stessa del Creatore, che ha dato a tutti una comune dignità trascendente.

Signor ambasciatore, desidero anche assicurarla che la Chiesa cattolica vuole contribuire allo sviluppo integrale della società attraverso le sue opere educative, sanitarie e di promozione sociale, che so essere apprezzate dalla popolazione. Lei conosce in particolare l'attenzione della Chiesa per la promozione delle persone mediante l'educazione dei giovani. È inoltre importante essere attenti alla salute di ognuno, in particolare attraverso una formazione e un'informazione sulle pandemie legate ai comportamenti degli individui. Mediante questo impegno, la comunità cattolica intende adoperarsi per il bene comune, la fraternità e il consolidamento della pace nella giustizia. Auspico che, grazie a relazioni sempre più fiduciose fra la Chiesa e lo Stato, queste opere siano sostenute con sempre maggiore generosità, a beneficio di tutti i guineani, senza distinzione di origini né di religione.

Colgo l'occasione per chiederle di salutare molto cordialmente la comunità cattolica della Guinea riunita attorno ai suoi vescovi. L'incoraggio a essere sempre nella società un fermento di riconciliazione e di pace, affinché tutti possano vivere nella convivialità e sviluppare vincoli di collaborazione sempre più fraterni.

Signor ambasciatore, lei inaugura oggi la nobile missione di rappresentare il suo Paese presso la Santa Sede. Voglia accettare i voti più cordiali che formulo per il suo felice esito e sia certo di trovare sempre presso i miei collaboratori la comprensione e il sostegno necessari!

Su di lei, sulla sua famiglia, sui suoi collaboratori, su tutti i suoi concittadini e sui dirigenti del suo Paese, invoco di tutto cuore l'abbondanza delle Benedizioni Divine.


*L'Osservatore Romano 30.5.2008, p.7, 10.

 

© Copyright 2008 - Libreria Editrice Vaticana

 

top