The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Solennità di Maria Santissima Madre di Dio
1° gennaio 1985

 

1. “Theotokos”, Genitrice di Dio!

Siamo riuniti in piazza San Pietro nel primo giorno del nuovo anno per recitare l’Angelus.

Nel primo giorno di quest’anno ci riuniamo per venerare la tua Maternità, o Vergine Maria. Essa appartiene intimamente al mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio, e la Chiesa con la festa della tua maternità corona l’ottava della nascita di Dio.

2. “Theotokos”,

degnati di unirci tra noi
col tuo cuore materno
sulla soglia del nuovo anno.
Questo anno, che iniziamo oggi,
affidalo al tuo Figlio,
affidalo al Verbo eterno
e - insieme con noi,
e immensamente meglio di noi
- in questo inizio volgi la tua adorazione
a Dio, uno e trino,
a “colui che è, che era e che viene” (Ap 1, 8).

A gloria del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo
noi desideriamo esistere e agire,
vivere e morire,
gioire e soffrire,
nel tuo cuore materno.

3. O “Theotokos”, Genitrice di Dio!

Sulla soglia del nuovo anno
affidiamo a te -
in Gesù Cristo, tuo Figlio
a Betlemme, a Nazaret e al Calvario
- l’avvenire, che si apre di nuovo al mondo
nella giornata odierna.

Nel tuo cuore materno poniamo
le nostre speranze
e le nostre ansie;
poniamo nel tuo cuore
la nostra sollecitudine quotidiana,

per l’intera umanità,
per ogni uomo,
per la pace nel mondo contemporaneo,
per la vittoria della giustizia e dell’amore,
per la Chiesa e per la sua missione evangelizzatrice tra i popoli.

Iscriviamo nel tuo cuore materno
tutti i giorni
,
tutte le giovani generazioni di ogni famiglia,
di ogni nazione, di tutto il mondo;
questo anno sarà nel mondo intero
l’Anno dei Giovani
,
e oggi consegniamo loro
il Messaggio della pace, che proclama:
“La pace e i giovani camminano insieme”.

4. O “Theotokos”, Genitrice di Dio!

Che sia dato ad essi, ai giovani,
di realizzare il programma

di questo messaggio
nella prospettiva del terzo millennio.

Che sia dato a noi tutti
di vedere i frutti della conversione
e della riconciliazione

nella giustizia, nell’amore e nella pace.

Per la tua intercessione preghiamo con le parole del salmista:

“Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
fra tutte le genti la tua salvezza” (Sal 67, 2-3). 

 

© Copyright 1985 - Libreria Editrice Vaticana

                                               

top