The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Domenica, 30 settembre 1990

 

1. Con la solenne celebrazione eucaristica di stamane nella Basilica Vaticana abbiamo aperto ufficialmente i lavori del Sinodo convocato per studiare i problemi posti dalla formazione sacerdotale. Durante i mesi scorsi, cogliendo l’occasione degli Angelus domenicali, mi sono soffermato a riflettere sul sacerdozio ministeriale nella Chiesa: su che cosa esso sia e su che cosa comporti secondo l’intenzione di Cristo, che lo ha istituito e ne resta la realizzazione incomparabile e perfetta. In tal modo, sono venuto illustrando la ricchezza del mistero che si esprime nel sacerdote e ho analizzato le principali qualità che questi deve possedere per compiere bene la sua missione.

In tale prospettiva sono emersi, per quanto riguarda più particolarmente la formazione del sacerdote, alcuni orientamenti che, pur senza pretesa di completezza, costituiscono utili spunti di riflessione.

2. Ora che il Sinodo si è avviato, cari fratelli e sorelle, occorre che tutti si impegnino con rinnovato slancio nella preghiera, sorretti da viva fiducia nell’azione illuminatrice dello Spirito Santo. Infinitamente più di tutti noi, lo Spirito Santo conosce le esigenze della formazione sacerdotale. Egli sa in che cosa consiste il mistero del sacerdote e come questo mistero deve essere concretamente vissuto.

Non è stato forse lo Spirito che, al momento dell’incarnazione, ha operato in maniera decisiva la formazione della natura umana del primo sacerdote? Non è stato a lui che Gesù ha attribuito uno speciale influsso su tutto il suo ministero terrestre, quando nella sinagoga di Nazaret ha applicato a se stesso l’oracolo di Isaia: “Lo Spirito del Signore è sopra di me” (Lc 4, 18)? Questo determinante ruolo dello Spirito nella formazione del sommo sacerdote, ci mostra che è proprio a lui che dobbiamo affidare tutti i nostri sforzi per la formazione di coloro che oggi devono riprodurre in se stessi il modello di Cristo, imitandolo nella sua vita e nella sua missione.

3. Tutta la Chiesa conta, dunque, sullo Spirito Santo: sarà lui che condurrà in modo misterioso e sovrano, nel rispetto delle persone e delle loro possibilità di cooperazione, i lavori del Sinodo. Ci conferma in questa fiducia l’esperienza indimenticabile del Concilio Vaticano II, che costituì un cammino di Chiesa, tracciato in maniera sorprendente e magistrale dallo Spirito Santo: lui ne ispirò la convocazione, lui ne guidò le delibere, piegandole in direzioni che spesso nessuno aveva previsto e che in seguito furono sempre più apprezzate.

Nel Sinodo che sta per cominciare lo Spirito Santo non mancherà di essere presente e di agire. Confidando nella sua assistenza, esprimo la certezza che questo Sinodo produrrà frutti sostanziali e contribuirà al progresso della formazione sacerdotale.

Preghiamo Colei che è stata la perfetta collaboratrice dello Spirito Santo: Maria santissima aiuti tutti i membri del Sinodo ad aprirsi pienamente alla sua azione.


Ai fedeli di espressione francese  

Je salue cordialement les personnes de langue française présentes à Rome en ce jour de l’ouverture du Synode des Evêques. Je leur souhaite un pèlerinage enrichissant, afin de mieux témoigner encore de l’espérance chrétienne qui habite nos cœurs.

Ai pellegrini di lingua inglese

I wish to greet the English-speaking visitors present here today. As we begin the Synod of Bishops dedicated to the theme of priestly formation, I ask all the faithful to pray for their priests, and to give them support and encouragement in their pastoral ministry. God bless you and your families.

Ai fedeli di espressione tedesca

Mein herzlicher Gruß gilt auch den deutschsprachigen Pilgern und Besuchern, die mit uns den Engel des Herrn gebetet haben. Möge der Herr Euch auf die Fürsprache Mariens, der dieser Rosenkranzmonat Oktober besonders geweiht ist, mit seinem Segen schützen und begleiten.

Ai numerosi pellegrini di espressione spagnola  

Deseo saludar ahora a las personas de lengua española, presentes en la solemne celebración eucarística para la apertura de esta Asamblea General del Sínodo de los Obispos. Ruego a todos que en vuestras oraciones pidáis al Espíritu Santo que guíe con su luz divina a los Padres Sinodales.

A todos os imparto con afecto la Bendición Apostólica.

 

© Copyright 1990 - Libreria Editrice Vaticana 

 

top