The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO APOSTOLICO NELLA REPUBBLICA CECA E IN POLONIA

GIOVANNI PAOLO II

REGINA COELI

Olomouc (Repubblica Ceca) - Domenica, 21 maggio 1995

 

 

1. Al termine di questa doppia canonizzazione, celebrata in un'atmosfera di intensa partecipazione di fede e di preghiera, eleviamo il nostro pensiero alla Vergine Santissima, Regina di tutti i santi.

Regina caeli, laetare! Rallegrati, Regina del Cielo! Rallegrati, Regina di tutti i santi! Maria Ŕ stata amata in modo singolare da questi due eroi della santitÓ. Santa Zdislava di Lemberk, eroina della caritÓ e della famiglia, si Ŕ come rispecchiata in Maria, imitandone, nel corso della sua vita, la tenerezza e la premura verso il prossimo, specialmente verso i poveri e gli ammalati. San Jan Sarkander ha tratto dalla Vergine Santissima la forza della fedeltÓ e della castitÓ del cuore, fin da quando, giovane studente intelligente ed aperto nel Clementinum di Praga, si era iscritto alla Congregazione mariana, che, anni prima, il futuro martire Edmund Campion aveva fondato presso quel famoso collegio.

2. Rallegrati inoltre, Regina del Cielo, per lo stuolo veramente grande dei santi e delle sante di queste terre: di Boemia, di Moravia, di Slesia!

I due nuovi canonizzati di questa mattina vengono ad aggiungersi ad un numero veramente straordinario di campioni della santitÓ, che, fin dalle origini della diffusione del Vangelo di Cristo in queste regioni a opera dei fratelli di Tessalonica, Cirillo e Metodio, ne hanno costellato la storia religiosa e civile col fulgore delle loro virt¨, esercitate in modo eroico.

E’ una stupenda litania di nomi di santi e di beati: i primi alunni dei due apostoli degli Slavi, Gorazd e compagni; e poi Ludmila, Vßclav, Vojtech col fratello Radim, Jindrich ZdÝk, settimo Vescovo di Olomouc, Anezka, Prokop, Hroznata, Jan Nepomuk, Zikmund e i martiri di Boemia, lo slesiano Melichar Grodziecki martirizzato a Kosice, fino ai moderni Jan Nepomuk Neumann, Klement Maria Hofbauer. Come non citare san Norberto, fondatore dei Premonstratensi, la cui tomba si trova nel convento di Strahov, a Praga? E i martiri Jan Ogilvie e il giÓ ricordato Edmund Campion, che in Boemia si formarono alla suprema testimonianza del sangue, versato poi in Gran Bretagna? E infine san Carlo Spinola, italiano forse nato a Praga, dove divenne Gesuita, e morý poi martire in Giappone?

Regina del Cielo, rallegrati della presenza di tanti santi e beati in queste terre benedette.

3. Rallegratevi anche voi, carissimi fratelli e sorelle! Le vostre antiche, storiche terre sono patria di santi! Ti saluto, Moravia; ti saluto, Boemia; ti saluto, Slesia; ti saluto, Repubblica Ceca, terra di santi e di sante! Le odierne canonizzazioni sono per noi un invito alla santitÓ. Ci˛ che conta, nella nostra vita, Ŕ proprio solo questo. Sý, perchÚ tutti i cristiani, indistintamente, sono chiamati alla santitÓ, come sottolinea il Concilio Vaticano II (cfr. LG, 40). Siamo figli nel Figlio di Dio. Dobbiamo vivere questa realtÓ di fede nella pratica quotidiana, personale, vivendo in modo degno di Cristo e del Vangelo. Figli nel Figlio! Come ha detto bene il poeta slesiano Angelo Silesio, nel suo Pellegrino cherubico: (Cherussky poutnÝk): "Vero Figlio di Dio Ŕ solo Ges¨ Cristo: ma deve ogni cristiano essere Cristo stesso" (V, 9) ("Ac BozÝm synem jest jen Kristus jedinym prec pravy krestan tÚz se stßvß Kristem tÝm").

Rallegrati, Regina del Cielo, dei nuovi santi Jan e Zdislava! Rallegrati di tutti i santi della Repubblica Ceca! Ma, ti preghiamo, rallegrati anche di noi, che vogliamo camminare umilmente e instancabilmente sulla via della santitÓ, come figli nel Figlio di Dio. Figli nel Figlio tuo, Ges¨ Cristo.

Amen.


Al termine della recita del "Regina Coeli" Giovanni Paolo II si Ŕ cosý rivolto ai fedeli:

Carissimi, so che la vostra presenza con un tempo cosý freddo e piovoso vi costa molti sacrifici. Tanto pi¨ mi Ŕ cara la vostra presenza. Vi ringrazio. Sapevo che qui a Olomouc l'amore verso la Chiesa e verso il Papa ha radici profonde. Ringrazio tutti i Signori Cardinali, i Prelati e saluto cordialmente anche i qui presenti Signori Ministri, i Vicepresidenti del Parlamento ceco e i Deputati. Sia lodato Ges¨ Cristo.

Ringrazio tutti i polacchi, specialmente quelli di Slesia, di Jaworze, di Skoczˇw e della diocesi di Legnica. Invio la mia benedizione alla Slovacchia.

 

ę Copyright 1995 - Libreria Editrice Vaticana

 

top