The Holy See
back up
Search
riga
GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Domenica, 1░ agosto 1999

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. L'odierna domenica apre il mese di agosto, mese che, almeno in Italia e in Europa, costituisce per eccellenza il tempo delle ferie estive. Si tratta di un fenomeno di costume, benchÚ l'evoluzione socio-economica faccia sý che le vacanze siano sempre pi¨ distribuite nell'arco dell'anno. In non pochi Paesi agosto Ŕ, pertanto, il mese in cui chi lavora lontano ritorna a casa e le famiglie si ritrovano al completo, non di rado in coincidenza con tradizionali ricorrenze religiose e feste patronali.

Proprio alle famiglie va, innanzitutto, il mio pensiero in questo periodo di ferie. Quante volte esse risentono dei disagi del serrato ritmo lavorativo, specialmente nelle grandi cittÓ! Quante volte Ŕ difficile trovare il clima sereno e l'atmosfera distesa per gustare l'intimitÓ, per dialogare e far emergere le esigenze e i progetti di ciascuno! Ecco allora che le vacanze giungono propizie anzitutto per colmare queste lacune, per cosý dire, di "umanitÓ", di pace, di convivialitÓ.

2. Di qui l'esigenza che le ferie siano effettivamente un tempo di ricarica umana, in cui, lontano dall'ambiente di vita abituale, Ŕ possibile ritrovare se stessi e gli altri, in una dimensione pi¨ equilibrata e pi¨ serena.

In tale prospettiva, Ŕ senz'altro interessante notare che sempre pi¨ numerosi sono i singoli e le famiglie che approfittano delle vacanze per trascorrere qualche giorno nei cosiddetti "luoghi dello spirito": monasteri, santuari, eremi, case di ritiro. Quasi sempre, queste localitÓ uniscono la bellezza dell'ambiente naturale all'opportunitÓ di attingere ricchezze spirituali dall'incontro con Dio nella riflessione e nel silenzio, nella preghiera e nella contemplazione.

Si tratta di una tendenza salutare, che sarebbe bene non rimanesse confinata al solo periodo delle ferie, ma trovasse forme adeguate per accompagnare l'attivitÓ quotidiana anche in altri momenti dell'anno. La vera sfida sta, infatti, nel salvaguardare l'armonia interiore cosý che il ritmo dell'esistenza d'ogni giorno abbia sempre quel respiro soprannaturale di cui ognuno di noi necessita.

3. Affidiamo oggi alla protezione di Maria Santissima chi si appresta a fare le vacanze e chi le ha giÓ terminate. A Lei affidiamo, in modo speciale, coloro che, per motivi di salute o per tante altre ragioni, non possono usufruire del periodo delle ferie. Chi si trova in vacanza possa godere del meritato ristoro e chi, invece, non ne ha la possibilitÓ, possa comunque sentirsi circondato da concreti gesti di amicizia e di solidarietÓ.


In queste settimane ho seguito da vicino i fatti dolorosi del conflitto armato esistente all'interno della Colombia, con centinaia di sequestri, distruzioni di centri abitati ed anche di edifici di culto, con l'assassinio di persone inermi.

Preoccupante Ŕ poi la difficoltÓ che si riscontra nell'avanzamento dell'auspicato processo di pace, unica strada percorribile per la riconciliazione fra i colombiani.

La Santa Sede, che promuove con decisione ogni sforzo di pace tra i popoli ed all'interno di ciascun popolo, incoraggia ad appoggia l'opera di riconciliazione intrapresa dall'Episcopato Colombiano e da tanti uomini di buona volontÓ.

Per tale nobile fine vi invito a pregare.

Chers pŔlerins de langue franšaise, c'est avec joie que je vous salue au moment de la priŔre mariale de l'AngÚlus. Je souhaite que ce temps de vacances soit une occasion particuliŔre pour vous tourner davantage vers le Seigneur et, avec Lui, refaire vos forces spirituelles. Je vous accorde Ó tous la BÚnÚdiction Apostolique.

I am happy to greet the English-speaking pilgrims and visitors who have prayed the Angelus with us: may you always follow the example of the Blessed Virgin Mary who “heard the word of God and kept it” (cf. Lk 11.28). God bless you!

Mit gro▀er Freude grŘ▀e ich Euch, liebe Schwestern und BrŘder aus den Lńndern deutscher Sprache. Insbesondere hei▀e ich den - Tambouren-verein Schwyz herzlich willkommen Der Herr m÷ge Euch und Eure Lieben daheim im Glauben bestńrken und weiterhin auf Eurem Lebensweg begleiten. Gerne erteile ich Euch allen den Apostolischen Segen.

Saludo con afecto a los fieles de lengua espa˝ola que han participado en esta oraciˇn mariana del Angelus. Os deseo que en estas fechas veraniegas podßis reponer las fuerzas del cuerpo y encontrar tambiÚn la serenidad de espÝritu que brota del encuentro con Cristo, bajo la maternal protecciˇn de su Madre, la Virgen MarÝa. Gracias por vuestra presencia y vuestras oraciones.

Desejo muitas felicidades, com a graša de Deus, aos peregrinos de lÝngua portuguesa que porventura aqui se encontrem. Levai a certeza da minha estima e orašŃo por vˇs, com uma bŕnšŃo para as vossas famÝlias e comunidades.

Saluto con affetto i pellegrini di lingua italiana. In particolare, le Religiose dei Sacri Cuori di Ges¨ e Maria, per le quali auspico abbondanti frutti dal Capitolo Generale svolto in questi giorni; il gruppo dell'associazione San Vincenzo giovanile d'Italia; e i giovani della parrocchia Maria Madre della Chiesa in Aprilia, che si recheranno in pellegrinaggio a Santiago de Compostela.

A tutti auguro una buona domenica.

 

ę Copyright 1999 - Libreria Editrice Vaticana

 

top