The Holy See
back up
Search
riga

 GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Castel Gandolfo
Domenica, 20 luglio 2003

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Negli ultimi mesi si Ŕ lavorato intensamente alla redazione della nuova Costituzione Europea, la cui versione definitiva sarÓ approvata dalla Conferenza intergovernativa a partire dal prossimo ottobre. A questo importante compito, che interessa tutte le componenti della societÓ europea, anche la Chiesa sente di dover offrire il proprio contributo.

Essa ricorda, fra l’altro, come notavo nella Esortazione apostolica post-sinodale Ecclesia in Europa, che "l’Europa Ŕ stata ampiamente e profondamente penetrata dal cristianesimo" (n. 24). Esso costituisce, nella complessa storia del Continente, un elemento centrale e qualificante, che Ŕ andato consolidandosi sul fondamento dell’ereditÓ classica e dei diversi contributi offerti dai flussi etnico-culturali succedutisi lungo i secoli.

2. Si pu˛ allora ben dire che la fede cristiana ha plasmato la cultura dell’Europa facendo un tutt’uno con la sua storia e, nonostante la dolorosa divisione tra Oriente ed Occidente, il cristianesimo Ŕ diventato "la religione degli Europei stessi" (ibid.). Il suo influsso Ŕ rimasto notevole anche nell’epoca moderna e contemporanea, malgrado il forte e diffuso fenomeno della secolarizzazione.

La Chiesa sa che il suo interesse per l’Europa scaturisce dalla sua stessa missione. In quanto depositaria del Vangelo, ha promosso quei valori che hanno reso universalmente apprezzata la cultura europea. Questo patrimonio non pu˛ essere disperso. Anzi, la nuova Europa va aiutata "a costruire se stessa rivitalizzando le radici cristiane che l’hanno originata" (cfr n. 25).

3. Maria, Madre della speranza, vegli sulla Chiesa in Europa perchÚ diventi sempre pi¨ "trasparente al Vangelo", sia luogo dove crescono la comunione e l’unitÓ, cosý che il volto di Cristo risplenda nel suo pieno fulgore per la pace e la gioia di ogni abitante del Continente europeo.


 

Dopo l’Angelus

Ricorre oggi il centenario della morte del Papa Leone XIII, Vincenzo Gioacchino Pecci. Ricordato soprattutto come il Papa della Rerum novarum, enciclica che segn˛ l’inizio della moderna dottrina sociale della Chiesa, egli svilupp˛ un magistero ampio e articolato; in particolare, rilanci˛ gli studi tomistici e promosse l’incremento della vita spirituale del popolo cristiano. In quest’Anno del Rosario, non si pu˛ dimenticare che Leone XIII dedic˛ al Rosario ben dieci encicliche. Per questo grande Pontefice oggi rendiamo fervide grazie al Signore.

Chers pŔlerins de langue franšaise, je vous salue cordialement. En ce dimanche d’ÚtÚ o¨ le Seigneur nous invite Ó nous reposer auprŔs de lui, puissiez-vous trouver la paix du cœur, pour renouveler votre vie spirituelle ! Avec la BÚnÚdiction Apostolique.

I am pleased to greet the visitors from the Dante Alighieri Catholic School in Winnipeg, Canada, and all the English-language pilgrims present today. May these summer holidays refresh you both physically and spiritually.

Einen herzlichen Gru▀ richte ich gerne an die Besucher aus den Lńndern deutscher Sprache. Der Urlaub gibt uns Gelegenheit zum Nachdenken Řber unser Leben und zur Besinnung auf Gott. Euch allen wŘnsche ich eine gute und erholsame Ferienzeit!

Deseo saludar con todo afecto a los peregrinos y visitantes de lengua espa˝ola, en especial a los "Jˇvenes de Santa Vicenta MarÝa" aquÝ presentes. Imploro sobre todos vosotros y sobre vuestras familias la maternal protecciˇn de Nuestra Se˝ora. Buen domingo a todos.

Dirijo agora minha mais afectuosa saudašŃo a todas as pessoas de lÝngua portuguesa. Pešo a Maria SantÝssima que vos conceda, com a sua intercessŃo junto ao seu divino Filho, abundantes grašas e bŕnšŃos. Que Deus vos acompanhe.

Saluto in lingua polacca: 

W dniu bl. Czeslawa pozdrawiam pielgrzymów z Polski: ksiezy sercanów z Krakowa, dzieciecy zespól taneczny z Rzeszowa oraz pielgrzymów indywidualnych. Szczesc Boze!

Traduzione italiana dei saluti pronunciati in lingua polacca:

Nel giorno dedicato al beato Ceslao saluto i pellegrini giunti dalla Polonia: i sacerdoti del Sacro Cuore da Cracovia, il complesso di danza dei ragazzi di Rzeszˇw nonchÚ le persone venute individualmente. Dio vi benedica!

Sono lieto di accogliere i partecipanti al Corso internazionale per i formatori dei Seminari, organizzato dal Pontificio Ateneo "Regina Apostolorum".

Un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. Saluto in particolare la delegazione della cittÓ di Montescaglioso e volentieri benedico la statua della Madonna "Nostra Signora del cammino", che sarÓ posta sulla cima del Monte Vetere. Saluto inoltre il gruppo della parrocchia Maria Vergine Assunta in Ameno (Novara). A tutti auguro una buona domenica.

                

 

ę Copyright 2003 - Libreria Editrice Vaticana

top