The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Commemorazione di Tutti i Fedeli Defunti
Domenica, 2 novembre 2003

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Dopo aver celebrato ieri la Solennità di Tutti i Santi, oggi, due novembre, il nostro sguardo orante si volge a coloro che hanno lasciato questo mondo e attendono di raggiungere la Città celeste. Da sempre la Chiesa ha esortato a pregare per i defunti. Essa invita i credenti a guardare al mistero della morte non come all'ultima parola sulla sorte umana, ma come al passaggio verso la vita eterna. "Mentre si distrugge la dimora di questo esilio terreno - leggiamo nel prefazio odierno -, viene preparata un’abitazione eterna nel Cielo".

2. E’ importante e doveroso pregare per i defunti, perché anche se morti nella grazia e nell’amicizia di Dio, essi forse abbisognano ancora di un’ultima purificazione per entrare nella gioia del Cielo (cfr Catechismo della Chiesa cattolica, n. 1030). Il suffragio per loro si esprime in vari modi, tra i quali anche la visita ai cimiteri. Sostare in questi luoghi sacri costituisce un’occasione propizia per riflettere sul senso della vita terrena e per alimentare, al tempo stesso, la speranza nell'eternità beata del Paradiso.

Maria, Porta del cielo, ci aiuti a non dimenticare e a non perdere mai di vista la Patria celeste, meta ultima del nostro pellegrinaggio qui sulla Terra.


Dopo l'Angelus

Traduzione italiana del saluto in lingua polacca:

Saluto i pellegrini giunti dalla Polonia e dall'estero. Ringrazio gli abitanti di Cracovia per essersi ricordati dei miei genitori e di mio fratello. Dio ve ne renda merito!

 

Saluto cordialmente i pellegrini venuti a recitare con noi la preghiera dell’Angelus, che abbiamo offerto per i defunti, in particolare i più dimenticati.

A tutti voi qui presenti auguro una buona domenica!

 

 

© Copyright 2003 - Libreria Editrice Vaticana

 

top