The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II
AL CARDINALE UGO POLETTI IN OCCASIONE DELLA SOLENNITÀ
DELL
’IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

 

Al Venerato Fratello Cardinale Ugo Poletti
Arciprete della Patriarcale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore
 

In occasione della solennità dell’Immacolata Concezione, desidero assicurare la mia presenza spirituale alle celebrazioni liturgiche che Ella presiederà in onore della Madre di Dio, tanto venerata in codesta Basilica.

Le affido l’incarico di deporre, in mia vece, davanti alla immagine della “Salus Populi Romani” l’unito omaggio floreale, quale atto di devoto ossequio alla Immacolata Vergine Maria, a Cui ripeto il mio “Totus Tuus”.

Invito tutti i fedeli che si raccoglieranno in codesta Basilica Patriarcale ad implorare l’amoroso intervento di Maria presso il suo Figlio Salvatore, perché si compongano in modo onorevole e giusto i gravi conflitti che non cessano di seminare, anche in questi giorni, morte e rovina tra tanti nostri fratelli, soprattutto nella vicina Bosnia-Erzegovina, e si giunga finalmente alla pace sospirata.

Ella, la “Tota pulchra”, che “condivide la nostra condizione umana, ma in una totale trasparenza alla grazia di Dio” e “non avendo conosciuto il peccato, è in grado di compatire ogni debolezza” (Veritatis splendor, 120), infonda nei cuori il gusto dell’innocenza, delle cose pure ed intatte; sia nella Chiesa e nel mondo intero Regina della pace, aiuto dei cristiani ed ispiratrice del vero bene.

Con questi pensieri ed affetti invoco la protezione dell’Immacolata sulla Sua cara persona e su tutti coloro che prenderanno parte alle prossime celebrazioni mariane, mentre di cuore a tutti imparto una speciale benedizione.

Dal Vaticano, 8 dicembre 1993.  

IOANNES PAULUS PP. II

 

© Copyright 1993 - Libreria Editrice Vaticana

 

top