The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II
AL PRESIDENTE DEL PONTIFICIO CONSIGLIO 
PER LA PASTORALE DELLA SALUTE IN OCCASIONE 
DELLA IX GIORNATA MONDIALE DEL MALATO 
(SYDNEY - AUSTRALIA, 11 FEBBRAIO 2001)

   

Al mio venerato fratello
Arcivescovo Javier Lozano Barragán
Presidente del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari

Nella pace che viene da Dio, saluto Lei e quanti sono riuniti nella Cattedrale di st. Mary a Sydney per il sacrificio eucaristico che è al centro della Nona Giornata Mondiale del Malato. Le chiedo di trasmettere al Cardinale Edward Clancy e alla Chiesa a Sydney e in tutta l'Australia l'assicurazione della mia vicinanza nella preghiera mentre vi incontrate per riflettere su come la nuova evangelizzazione, necessaria all'inizio del terzo millennio cristiano, debba rispondere alle numerose e complesse questioni relative alla sanità, sempre alla luce della Croce di Cristo, in cui la sofferenza umana trova "il suo supremo e più sicuro punto di riferimento" (Salvifici doloris, n. 31).

Pochi ambiti della realtà umana sono tanto soggetti ai profondi cambiamenti culturali e sociali della vita contemporanea quanto quello dell'assistenza sanitaria. Questo è uno dei motivi per cui nel 1985 ho creato l'organismo che poi è divenuto Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, che Lei presiede diligentemente. Nel corso degli anni questo Pontificio Consiglio ha reso un servizio inestimabile non solo a chi è direttamente impegnato nell'assistenza sanitaria, ma anche a una comunità più ampia che si cimenta con numerose questioni, divenute ancora più pressanti da quando è stato creato il Consiglio. Per quel servizio ringrazio con fervore Dio Onnipotente.

All'alba del nuovo millennio è più urgente che mai che il Vangelo di Gesù Cristo permei ogni aspetto della sanità, e quindi giudico positivamente la scelta del tema per questa Giornata Mondiale del Malato:  "La nuova evangelizzazione e la dignità dell'uomo sofferente". L'evangelizzazione deve essere nuova, nuova nel metodo e nell'impegno, perché nell'assistenza ai malati sono cambiate e stanno cambiando molte cose.

Non solo la sanità si trova di fronte a pressioni economiche senza precedenti e a complessità legali, ma a volte si trova anche nell'incertezza etica che tende a oscurare quelli che sono stati i suoi chiari fondamenti morali. Questa incertezza può trasformarsi in una confusione fatale che si manifesta come incapacità di comprendere che lo scopo essenziale dell'assistenza sanitaria è di promuovere e tutelare il benessere di chi ne ha bisogno, che la ricerca e la pratica mediche devono seguire sempre imperativi etici, che i deboli e quanti possono apparire improduttivi agli occhi della società dei consumi hanno una dignità inviolabile che va sempre rispettata e che le cure sanitarie dovrebbero essere disponibili come diritto basilare per tutti senza alcuna eccezione.

A questo proposito desidero applicare ai lavori del Pontificio Consiglio e ai dibattiti della vostra conferenza quanto ho detto nella mia recente Lettera Apostolica Novo Millennio ineunte pubblicata alla fine dell'Anno Giubilare:  è diventato sempre più "importante fare un grande sforzo per spiegare adeguatamente i motivi della posizione della Chiesa, sottolineando soprattutto che non si tratta di imporre ai non credenti una prospettiva di fede, ma di interpretare e difendere i valori radicati nella natura stessa dell'essere umano" (n. 51).

La Giornata Mondiale del Malato ha qualcosa di vitale da dire e il Pontificio Consiglio deve svolgere un ruolo indispensabile nella missione della Chiesa che consiste nel proclamare il Vangelo di vita e l'amore per il mondo.

Riuniti in questo giorno dedicato a Nostra Signora di Lourdes, nella Cattedrale dedicata a Maria Aiuto dei Cristiani, affido Lei, il Cardinale Clancy, il Pontifico Consiglio per gli Operatori Sanitari e quanti partecipano alla Giornata Mondiale del Malato all'intercessione amorevole di Maria Santissima, la donna che la Chiesa invoca come "salute dei malati".

In pegno di gioia e di pace nel suo Figlio, il Redentore del mondo, imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica.

Dal Vaticano, 18 gennaio 2001

GIOVANNI PAOLO II

        

top