The Holy See
back up
Search
riga

PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AFRICA

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
ALL'ARRIVO IN ALTO VOLTA

Ouagadougou, 10 maggio 1980


È con una grande gioia nel cuore che arrivo qui, in Alto Volta, e che saluto con rispetto e simpatia Sua Eccellenza il Presidente della Repubblica, e le alte Autorità che sono venute ad accogliermi e che mi hanno appena espresso il benvenuto con una cordialità così profonda che esprime anche i sentimenti di tutta la nazione e che mi tocca profondamente.

Con quale gioia, lo ripeto, ho accolto l’invito delicato del Governo dell’Alto Volta che ha ben compreso lo scopo puramente spirituale del mio viaggio in Africa, e che ha acconsentito ad organizzare questa troppo breve tappa nella sua capitale. Desidero dunque che le mie prime parole servano per esprimere, con la mia riconoscenza, i voti ferventi che formulo a Dio Onnipotente per questo paese ed il suo popolo laborioso e fiero, per quelli che ne sono responsabili e per tutti i suoi abitanti.

Saluto tutti i credenti. Non solo i cristiani, ma tutti coloro che hanno in comune la fede in un unico Dio misericordioso, che hanno a cuore di sottomettere la loro vita all’Onnipotente nella religione islamica o che sono animati da sentimenti religiosi secondo le loro tradizioni ancestrali.

Mi permetterete di salutare in primo luogo e con affetto particolare, nella persona del mio fratello Cardinale Paul Zoungrana e dei miei fratelli Vescovi di questo paese, tutti i miei figli cattolici. Sono venuto per voi! Prima di ritornare al Padre nel giorno dell’Ascensione, Nostro Signore aveva ordinato ai suoi Apostoli: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo”. Molti secoli sono passati prima che il vostro paese ricevesse il Vangelo, ed ecco che in meno di un secolo il seme è diventato un grande albero; ed ecco che il Successore di Pietro ripercorre i passi di quelli che vi hanno portato il Vangelo, i figli del grande Cardinale Lavigerie, i vescovi instancabili quali Monsignor Thevenoud, e di cui molti di voi si ricordano con emozione. Ed io incontro ora, Capi delle Chiese diocesane e Successori degli Apostoli, dediti come loro al servizio del Signore, i figli dell’Alto Volta che mi accolgono presso di loro, presso di voi.

Al popolo dell’Alto Volta, ai membri del suo Governo e ai rappresentanti della Chiesa venuti ad accogliermi così calorosamente, ripeto il mio grazie ed il mio cordiale saluto. So che molti sono venuti dal Togo; a tutti loro il mio saluto caloroso e cordiale. Grazia e salvezza a tutti! Possa il Signore, Dio Onnipotente colmarvi della sua benedizione!

 

top