The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO APOSTOLICO IN PORTOGALLO II, COSTA RICA, NICARAGUA I,
PANAMA, EL SALVADOR I, GUATEMALA I, HONDURAS, BELIZE, HAITI

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
DURANTE LA VISITA ALLA CATTEDRALE DI PANAMÁ

Sabato, 5 marzo 1983

 

Cari fratelli e sorelle.

Nella visita a questa cattedrale, centro spirituale della vita diocesana, desidero salutare con tutto l’affetto i miei fratelli nell’Episcopato qui presenti, in particolare il Pastore di questa comunità ecclesiale, Monsignor Marcos Gregorio McGrath; e così pure i sacerdoti, i religiosi e le religiose, ai quali ho dedicato o dedicherò allocuzioni più estese in altri momenti di questo viaggio apostolico.

Saluto in modo speciale voi, cari seminaristi, esortandovi a far tesoro di questi anni di preparazione al sacerdozio. La Chiesa a Panamá ha bisogno di veder aumentare il vostro numero; perciò attraverso voi mi rivolgo ai giovani della vostra stessa età e condizione, affinché pensino alla possibilità di una dedizione a Dio e agli altri, nel sacerdozio e nella vita religiosa. Siate audaci e decisi nella vostra donazione a Dio! Alle famiglie di Panamá e di tutta l’America Centrale voglio dire: siate generose nel permettere che qualcuno dei vostri figli dedichi la sua vita intera al servizio del Signore e delle vostre comunità!

Desidero salutare con speciale affetto voi ammalati, qui presenti in piccolo gruppo, ma in rappresentanza di tutti i vostri fratelli infermi del Paese, tanto di quelli che si trovano nelle proprie case, come di quelli che sono negli ospedali. Sappiate che il Papa vi tiene molto presenti nella sua preghiera.

Sforzatevi di accettare con sguardo soprannaturale i dolori e le limitazioni della vostra vita, che tanto valore hanno per la Chiesa; così, uniti alle sofferenze di Cristo, partecipate alla sua opera redentrice del mondo.

A tutti impartisco di cuore una speciale benedizione apostolica, in particolare agli anziani qui riuniti.

© Copyright 1983 - Libreria Editrice Vaticana

 

top