The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AD UN PELLEGRINAGGIO GIOVANILE DAL BELGIO

Sabato, 21 aprile 1984

 

Col cuore pieno di gioia vi saluto tutti, professori e studenti di diversi istituti scolastici dal Belgio fiammingo che siete venuti a Roma col 24° pellegrinaggio pasquale, organizzato dal collegio Sant’Uberto di Neeperlt, al quale rivolgo un benvenuto speciale. La vostra visita è per me questa volta motivo di una gioia particolarmente grande. Essa desta il ricordo della gioia intensa del Giubileo della Redenzione che centinaia di migliaia di giovani hanno celebrato qui a Roma una settimana fa. La vostra riunione oggi ne è quasi l’epilogo, gli ultimi suoni dell’indimenticabile accordo finale dell’Anno Giubilare.

Durante la celebrazione del loro Giubileo, i giovani hanno meditato su tre temi, cioè la gioia, la libertà e l’amore. Dio ha regalato all’uomo una vera libertà, la possibilità di scegliere per o contro lui stesso. L’uomo può scegliere contro Dio, dominando il suo prossimo, trattandolo come un mezzo, come oggetto, in breve peccando. La ricerca e la soddisfazione di se stessi possono dare una certa gioia, che però è superficiale e breve e poi abbrutisce in tristezza, amarezza e persino disperazione. L’uomo può anche scegliere per Dio, servendo il prossimo, trattandolo come soggetto, come persona, in breve amando. Il sacrificio di se stessi, l’amore esige lotta e può essere una croce, ma conduce a una gioia profonda e durevole, che è dono dello Spirito di amore e pregustazione della gioia eterna e perfetta presso il Signore risorto. Egli è passato attraverso la passione e la croce, per poter entrare nella sua gloria, come abbiamo commemorato proprio in questa Settimana Santa e celebreremo domani, domenica di Pasqua, con tanta esultanza.

Supplico da Dio la grazia che voi tutti possiate ritornare a casa da questo pellegrinaggio giubilare e dalla celebrazione del mistero pasquale della morte e risurrezione del Signore con la risoluzione ferma di adempiere il senso della vostra libertà, costruendo la vostra vita sull’amore, cooperando alla formazione della civiltà dell’amore e di una società di pace e giustizia in cui il vivere sarà una vera gioia. Per questo vi imparto di tutto cuore la Benedizione Apostolica.

 

Copyright © Libreria Editrice Vaticana

 

top