The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AD UN GRUPPO DI MINISTRI DELLA SANITÀ
DEI PAESI DEL CENTRO AMERICA E DEL PANAMA

Martedì, 27 novembre 1984

 

Signori ministri,
illustri signore e signori
.

È per me un vero piacere avere questo incontro con i responsabili dei ministeri della Sanità del Centro America che, accompagnati da alti funzionari dei loro governi e dai dirigenti dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Organizzazione panamericana, sono in questi giorni in visita a diversi Paesi europei per presentare un piano di priorità urgenti per l’assistenza sanitaria in Centro America e Panama. A voi e a tutte le illustri personalità che vi accompagnano rivolgo innanzitutto un cordiale saluto.

Mi rallegra il fatto che i più alti responsabili di governo nel campo della sanità di Belize, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua e Panama - Paesi tutti che ho avuto la gioia di visitare l’anno scorso - stiano compiendo questo sforzo congiunto, per far fronte, in modo più adeguato e globale, ai gravi problemi che si riferiscono alle condizioni sanitarie di quegli amati popoli.

Desidero assicurarvi che la Chiesa condivide la vostra preoccupazione di servire l’uomo, di elevare la sua qualità di vita, di eliminare o ridurre - per quanto possibile - le cause della mortalità e della malattia in alcuni settori della popolazione.

Per questo motivo non posso fare a meno di incoraggiarvi nel vostro lodevole impegno per migliorare i livelli della sanità in Centro America e Panama, come uno dei primi servizi alla dignità delle persone, sempre nel rispetto delle norme etiche che regolano un ambito tanto importante e delicato dell’attività umana.

È questo un campo che la Chiesa stima moltissimo e nel quale perciò non tralascia di proclamare i principi morali che indirizzano alla difesa, alla tutela e alla promozione della vita, alla sua qualità, alla completa attenzione per la persona nei suoi aspetti spirituali, psichici e corporali (cf. Gaudium et Spes, 14 § 1), perché ogni essere umano non è solo l’espressione massima della vita sulla terra, ma è anche riflesso di Dio. Per questo la Chiesa collabora volentieri in tante istituzioni di carattere sanitario.

Cosciente delle molte e urgenti necessità esistenti nella regione centroamericana - come in tanti altri Paesi del mondo - formulo voti affinché la comunità internazionale sia sensibile ai vostri obiettivi. Voglia Dio che il miglioramento delle condizioni della salute degli abitanti dei vostri Paesi sia anche impegno e strumento a favore della pace, della solidarietà e dell’intesa tra i popoli del Centro America e Panama.

Nel ringraziarvi per questa visita e auspicando il miglior esito possibile per il piano di sanità in Centro America, invoco su ciascuno di voi, sui vostri collaboratori e familiari, le benedizioni del Signore e autore della vita.

 

© Copyright 1984 -  Libreria Editrice Vaticana

 

top