The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI MEMBRI DEL COLLEGIO DI DIFESA DELLA NATO

Venerdì, 18 gennaio 1985

 

Cari amici.

È un piacere per me dare il benvenuto ai membri del Collegio di difesa della Nato. Siete venuti a Roma per partecipare ad un corso di studio che include l’analisi dei problemi e dei fattori militari, politici, economici, tecnologici, geografici, sociologici e psicologici che sono di particolare importanza per la Nato. Durante questo corso di studio, avete desiderato venire in Vaticano per quest’udienza col Papa. E io sono molto lieto di ricevervi oggi perché riconosco nella vostra richiesta di quest’udienza una testimonianza della vostra convinzione dell’importanza dei valori morali e spirituali, non soltanto per la vostra vita personale ma anche per l’opera nella quale siete impegnati.

I valori morali e spirituali sono realmente di importanza vitale per la vita umana: per orientare le decisioni delle singole persone e per regolare le relazioni tra i popoli e le nazioni. Senza l’integrazione di questi valori nella nostra vita e nella società, non possiamo sperare di raggiungere la piena statura della nostra dignità umana. E senza cercare di metterli in rapporto con le decisioni che toccano la vita pubblica e le relazioni internazionali, non potremo mai avere una pace sicura e duratura.

Il vostro corso di studio vi porta in contatto con persone di varie nazionalità. Voi studiate e discutete insieme. Avete un’ottima possibilità per accrescere la comprensione e il rispetto sia tra di voi che nei confronti delle varie culture e dei Paesi da voi rappresentati. Che questa esperienza di fraternità internazionale rafforzi la vostra convinzione della possibilità di raggiungere l’armonia e la fratellanza tra tutte le nazioni del mondo. E possa approfondire il vostro impegno per la realizzazione di questo traguardo tanto desiderato.

Prego perché il Signore vi sostenga in questi lodevoli impegni. Dio vi benedica tutti.

 

© Copyright 1985 - Libreria Editrice Vaticana

top