The Holy See
back up
Search
riga

PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
ALLA CITTADINANZA DI BRISBANE DALLA CITY HALL

Brisbane (Austrlia), 25 novembre 1986

 

1. Prima di lasciare questa prospera e fiorente città di Brisbane, sono lieto di quest’ultima occasione che mi è data di salutare tutti voi qui riuniti nella King George Square.

Scopo del mio viaggio in Australia, come quello delle mie visite pastorali in molti Paesi del mondo, è di manifestare il mio amore per Gesù Cristo e farlo meglio conoscere e amare. Più particolarmente, sono venuto per offrire sostegno e incoraggiamento ai miei fratelli e sorelle della Chiesa cattolica. È importante per me visitare le Chiese locali e constatare in prima persona la loro vitalità, le loro difficoltà e le loro speranze. Nello stesso tempo sono lieto che i miei viaggi pastorali mi diano l’occasione di incontrarmi con rappresentanti di altre comunità cristiane e altre religioni, e con molte persone di buona volontà. Per ogni persona che incontro cerco di essere un amico e un servitore della pace.

2. Sono oggetto di particolare preoccupazione per la Chiesa i diritti e la dignità della persona umana. Ho fiducia che condividiate questa stessa preoccupazione. È un problema dalle molte sfaccettature, che variano molto da un Paese all’altro, particolarmente tra i Paesi in via di sviluppo e i Paesi che, come l’Australia, hanno raggiunto un grado più alto di sviluppo. Ma esiste talvolta la tentazione di misurare il progresso umano basandosi su quello economico e tecnologico, trascurando le sue dimensioni spirituali ed etiche. Come ho detto nella mia prima enciclica, la mia profonda convinzione è questa; “Si tratta dello sviluppo delle persone e non soltanto della moltiplicazione delle cose, delle quali le persone possono servirsi. Si tratta non tanto di "avere di più quanto di essere di più"” (Redemptor Hominis, 16). I criteri ultimi per il vero progresso dell’uomo sono la legge di Dio nostro creatore e il bene di ognuno.

3. È importante ricordare anche che il destino del mondo non è interamente nelle nostre mani. Dio è il creatore di tutto, e la provvidenza di Dio, governa la storia umana. È nostro dovere tuttavia operare insieme per il bene dell’intera famiglia umana facendo un giusto uso dei nostri talenti naturali. Dobbiamo essere sicuri di comprendere i bisogni del mondo intero e di non escludere nessuno dal nostro amore. Siamo profondamente responsabili delle nostre azioni, e anche del bene che non facciamo. Dobbiamo chiedere nello stesso tempo l’aiuto di Dio per la nostra vita personale e per il mondo intero, ed essere consci che “il suo potere, operante in noi, può fare infinitamente più di quanto possiamo domandare o pensare” (Ef 3, 20). La nostra dipendenza da Dio, il nostro bisogno di lui e la sua amorosa preoccupazione per noi fanno tutte parte della verità della vita.

Desidero esprimere a voi tutti la mia profonda gratitudine per la splendida ospitalità che mi è stata riservata in questo Stato del Queensland. Grazie per il vostro cordiale benvenuto. Possa il Signore colmare i vostri cuori della sua pace e della sua gioia. Dio vi benedica tutti!

 

© Copyright 1986 - Libreria Editrice Vaticana

 

top