The Holy See
back up
Search
riga

PAROLE DI GIOVANNI PAOLO II
AD UN GRUPPO DI GIOVANI RIFUGIATI
ETIOPI ASSISTITI DAL «CENTRO ASTALLI»

Giovedì, 31 dicembre 1987

 

Carissimi,

ho accolto con sincero gradimento l’invito a concludere la tradizionale celebrazione di fine d’anno alla Chiesa del Gesù con una visita di affettuosa solidarietà al Centro di aiuto, chiamato “Centro Astalli”, che accoglie i fratelli oriundi dall’Etiopia.

Mentre porgo il mio cordiale saluto agli ospiti, desidero esprimere un sentito compiacimento per tale iniziativa, dovuta alla generosità di un gruppo di religiosi e di laici, che intendono portare il loro contributo fattivo, perché in una città come Roma non esistano discriminazioni o emarginazioni ma, nel rispetto delle leggi dello Stato, anche coloro che appartengono ad altri Paesi non si sentano “estranei”, e tanto meno non siano considerati o trattati come tali dai seguaci di Gesù Cristo, il Verbo di Dio incarnatosi per la salvezza e la redenzione di tutti gli uomini.

Formo voti perché tale benemerita iniziativa prosegua, cresca, trovi altre persone disponibili e aperte alla dedizione; e prosperino e crescano anche le tante analoghe iniziative della “Caritas” presso le parrocchie e le chiese della diocesi di Roma.

Con questi auspici, imparto a tutti la benedizione apostolica.

 

© Copyright 1987 -  Libreria Editrice Vaticana

 

top