The Holy See
back up
Search
riga

VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA ROMANA
DI S. MARIA DELLA CONSOLAZIONE

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI GIOVANI DELLA PARROCCHIA

Domenica, 15 febbraio 1987

 

Vi saluto con molta cordialità e vi ringrazio per la vostra presenza e partecipazione alla visita di oggi, come pure per la testimonianza della vostra generosità, espressami con il dono offertomi, e del vostro impegno cristiano espresso soprattutto dalle parole lette poco fa, dalla vostra amica, che rappresenta i giovani del post-cresima. Mi avete rivolto molte domande alle quali darò una risposta un po’ sintetica. Ho detto ai bambini, che ho incontrato all’inizio di questa visita, che gioisco per il loro battesimo: a voi vorrei dire che gioisco per la vostra cresima.

Tramite essa siete stati segnati dallo Spirito Santo: naturalmente è invisibile perché Dio è spirito, ma siete stati segnati in un modo molto concreto, nella vostra personalità di giovani, nel vostro spirito umano che dalla sua stessa natura è aperto verso la verità, il bene, verso Dio. Allora con la disponibilità del nostro spirito umano dobbiamo essere confermati e irrobustiti dalla forza dello Spirito Santo. Questo ha fatto Cristo con gli apostoli nel giorno di Pentecoste e questo fa Cristo sempre con tutti i cristiani battezzati nella cresima che è il sacramento della confermazione. Tutto questo avviene per farvi cristiani maturi, consapevoli di essere tali.

Tanti sono cristiani in mezzo a voi, come ha detto la vostra amica, forse cresimati, anch’essi, e certamente battezzati, ma quasi non consapevoli di quello che sono: l’uomo invece si fa completo tramite la consapevolezza della sua dignità. Questo vale anche per i cristiani: se sono battezzati e cresimati ma non hanno consapevolezza di quello che sono diventati tramite questi sacramenti, è quasi come se non lo fossero. Dalla consapevolezza nasce infatti una maturità umana e cristiana che rende l’uomo pienamente persona.

Questa è la risposta sintetica alle vostre domande. Auguro a tutti voi di essere come battezzati e cresimati, nutriti dal corpo e sangue di Cristo, di essere consapevoli di questa dignità e di portarla davanti agli altri, chiunque siano. Questo vuol dire testimonianza. Cristo ha fatto dei suoi apostoli dei testimoni e così dovete essere anche voi: il cristiano è testimone con le sue opere prima ancora che con le parole. Questa testimonianza è l’esigenza principale di Cristo verso i suoi apostoli e verso tutti coloro che devono partecipare all’apostolato della Chiesa. Certamente incontrerete difficoltà e chiusure da parte di persone che non accettano: questo però non importa. Si deve infatti essere sempre se stessi e vivere con la propria autenticità di cristiani senza scoraggiarsi.

Questa che vi ho dato è una risposta sintetica, ma per risposte più dettagliate e precise vorrei lasciarvi anche alle indicazioni di mons. Clemente Riva, vescovo ausiliare per questa zona di Roma, che ama molto, specialmente i giovani che vi risiedono. Con lui potrete analizzare insieme le difficoltà e trovare le soluzioni ai tanti problemi. Avete poi il vostro parroco e i suoi collaboratori: insieme dobbiamo lavorare tutti per il bene di questa parrocchia, della nostra carissima città di Roma e di tutta la Chiesa. Vi benedico in modo particolare.

 

© Copyright 1987 -  Libreria Editrice Vaticana

 

top