The Holy See
back up
Search
riga

VISITA PASTORALE IN PUGLIA

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AGLI AVIERI DELL’AEROPORTO MILITARE DI AMENDOLA

Lunedì, 25 maggio 1987

 

Cari giovani avieri.

Al termine di questa mia visita pastorale nella Capitanata, prima di riprendere il volo da questo Aeroporto di Amendola, desidero esprimervi una parola di saluto e di ringraziamento per il vostro servizio così puntualmente assolto.

È per me sempre motivo di gioia incontrarmi con i giovani che rappresentano il futuro della società e della Chiesa. Voi, giovani avieri, siete impegnati in una esperienza che certo ricorderete per tutta la vita, perché destinata ad allenarvi ai doveri verso la patria e a formare in voi un carattere virile nella disciplina e nell’ordine.

Voi avete l’onore di compiere l’esperienza militare nell’Arma dell’Aeronautica, il cui spirito è temprato ad una scuola di ardimento e talora anche di eroismo. In questo vostro impegno quotidiano così nobile, non trascurate il dovere religioso che tanto eleva e sublima l’uomo, facendogli raggiungere la piena maturità.

Alimentate sempre nel vostro cuore una fede forte e convinta, che sappia manifestarsi anche esteriormente in una condotta di vita coerentemente espressa nel dominio di sé e nell’esercizio delle virtù cristiane: quali la fortezza dinanzi al rischio; la serenità e la prontezza davanti a situazioni impreviste; il senso di responsabilità in ogni circostanza. Se vi terrete fedeli a un tale programma, non solo avrete successo nel periodo di questo vostro impegnativo, mia affascinante servizio come avieri, ma potrete affrontare con maggiore sicurezza le responsabilità che vi attendono nell’ambito delle vostre famiglie, che intendete formarvi, e della società civile, che conta sul vostro contributo, come cittadini pensosi del bene comune.

Vi sia di conforto nella realizzazione di tali propositi la mia benedizione che ora di cuore imparto a voi e ai vostri cari.

 

© Copyright 1987 -  Libreria Editrice Vaticana

 

top