The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO APOSTOLICO IN POLONIA E UNGHERIA

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI RAPPRESENTANTI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Czestochowa  - Giovedì, 15 agosto 1991

 

Desidero ringraziare molto il sindaco ed il Consiglio per l’onore che mi avete riservato. Mi rendo conto che nella vita della nostra Nazione, nella vita della Chiesa, nella vita dell’Europa, Czestochowa significa molto, è un nome particolare. Questo nome, si può dire, le è stato dato dalla Madre di Dio. Ci sono vari motivi storici, sociali ed economici che hanno contribuito alla fondazione e allo sviluppo di Czestochowa, ma questo nome particolare le è stato dato dalla Madre di Dio. Si può dire che la vostra è una città teologica, mariologica, nel senso che il suo significato essenziale trae origine dal nome della Madre di Dio, e specialmente dal nome della Madre di Dio che è diventata la Regina di Polonia. E anche se l’atto con il quale è stata proclamata Regina di Polonia ha avuto luogo a Leopoli, Ella ha trasferito in realtà il suo Regno a Jasna Gora, e quindi a Czestochowa. L’anno 1656 ha dato a quest’investitura mariana un particolare significato che non si può eliminare dalla storia della Polonia, dalla storia della Chiesa, dalla storia dell’anima polacca ed anche dalla storia di Czestochowa, che è la vostra città.

Con questo atto dunque, che avete voluto celebrare, io mi sento coinvolto ancor più in questo particolare processo mariano storico-salvifico, un processo teologico. Nel contempo tale processo determina profondamente la storia della mia patria. E per questo Dio ve ne renda merito. Ringrazio voi tutti, affido questo ringraziamento al sindaco ed al Consiglio della città, ed accetto questo onore, perdonate, ma lo accetto in un certo senso dalla stessa Signora di Jasna Gora. Voi siete in qualche modo i ministri di quella parte del mistero di Jasna Gora che si esprime nella vostra decisione di conferirmi questa onorificenza, siete ministri di una parte del mistero.

Auguro alla vostra città, e in questo caso posso dire alla nostra città, in modo particolare un molteplice sviluppo e di intraprendere diversi compiti come, ad esempio, questo grande compito che avete assunto, e con tanta gioia realizzato, accogliendo qui i giovani di tutta la Polonia e di tanti Paesi europei ed extra-europei. Vi auguro uno sviluppo anche in senso socio-culturale ed economico di tutto ciò che costituisce l’esistenza umana e soprattutto uno sviluppo in senso carismatico, poiché Czestochowa, grazie a Jasna Gora, porta in sé un certo carisma. La vostra città si sviluppi anche in tale senso carismatico. Serva sempre meglio il disegno Divino riguardo alla nostra nazione e ad altri popoli e nazioni, poiché il Santuario di Jasna Gora è sicuramente un Santuario di grande rilievo internazionale, non soltanto locale.

Cari signori, in questa giornata solenne accogliete anche la mia benedizione per le vostre famiglie, per i vostri concittadini, per le vostre Chiese e, soprattutto, per Jasna Gora.

 

© Copyright 1991 - Libreria Editrice Vaticana

 

top