The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AL CONSIGLIO DIRETTIVO
DEL «SERRA INTERNATIONAL»

Sala del Concistoro - Giovedì, 28 febbraio 1991

 

Caro Arcivescovo Mahony,
Cari fratelli e sorelle in Cristo
,

sono molto lieto di accogliervi in occasione della tavola rotonda del Serra International. Un saluto particolare al vostro Consigliere Episcopale e al vostro Presidente Internazionale. Prego che Dio mandi abbondanti benedizioni sulle vostre deliberazioni durante questi giorni, così che il Serra International possa favorire la crescita spirituale dei suoi membri e perseverare nel suo importante scopo di incoraggiare le vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa.

La promozione di queste vocazioni particolari è infatti essenziale per la vita e la missione della Chiesa. Sebbene sia vero che tutti i battezzati hanno un ruolo da ricoprire nella salvezza del mondo, è il sacerdote consacrato che rende possibile la comunione sacramentale della Chiesa attorno all’Eucaristia, “fonte e apice della vita cristiana” (Lumen Gentium, 11). Nello stesso tempo la vita di consacrazione secondo i consigli evangelici è segno radicale all’interno della Chiesa che le domande del Vangelo devono essere soddisfatte nel dono totale di sé a Dio e al suo Regno come mostratoci nella vita di Cristo.

L’incremento delle vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa è necessario oggi per rafforzare l’intera Chiesa e ognuno dei suoi membri per la missione universale che le è stata affidata: che tutti possano credere ed essere salvati. Questa è opera di Dio, non nostra; noi siamo suoi servi, gli strumenti del suo piano d’amore. Obbedienti al comando di Cristo preghiamo “il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe” (Lc 10, 2) perché riconosciamo che l’iniziativa di ogni vocazione dipende da Dio e non da noi. Di qui l’importanza della preghiera, così ardentemente promossa dal Serra International, affinché Dio benedica la sua Chiesa con ancor più santi e devoti sacerdoti e religiosi.

Allo stesso tempo anche noi riconosciamo che occorre creare un ambiente nel quale la chiamata di Dio possa essere sentita, compresa e accettata. Serbando gli ideali e la necessità di una vita sacerdotale e religiosa di fronte alla diffusa trascuratezza o indifferenza, la vostra organizzazione si prende cura del semenzaio della piantagione di Dio, della sua discreta chiamata a rispondere a queste speciali vocazioni all’interno del contesto della famiglia, della comunità locale, della parrocchia e della diocesi.

Cari fratelli e sorelle, a nome di tutta la Chiesa ringrazio voi e tutti i membri del Serra International per gli sforzi intrapresi volti ad incrementare le vocazioni attraverso le vostre preghiere e attività. Dobbiamo essere fiduciosi che per quanto grandi le necessità della Chiesa, il “Signore delle messi” non mancherà di prestare attenzione alle nostre preghiere o di far fruttificare i nostri sforzi, a suo tempo e nel modo che lui vuole. Invoco su di voi l’intercessione del vostro patrono il Beato Junipero Serra, e cordialmente imparto la mia benedizione apostolica a voi e alle vostre famiglie.

 

© Copyright 1991 - Libreria Editrice Vaticana

 

  top