The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO PASTORALE IN SENEGAL, GAMBIA E GUINEA

CONSACRAZIONE DELLA GUINEA ALLA VERGINE

PREGHIERA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II

Conakry (Guinea) - Martedì, 25 febbraio 1992

 

O Maria, Nostra Signora della Guinea, i tuoi figli e le tue figlie della Guinea vengono innanzi a te a rinnovare oggi la loro consacrazione. Ti offriamo i nostri corpi, i nostri cuori e i nostri spiriti; ti offriamo questa terra della Guinea e i suoi abitanti, le sue famiglie e i suoi figli, i loro progetti e i loro sogni di felicità.

O Maria, Madre degli uomini, rimettiamo nelle tue mani il destino di questo Paese e ti preghiamo per tutte le persone di buona volontà che lavorano alla sua ricostruzione.

O Maria, donna attenta a Cana, sei stata in mezzo al tuo popolo nella Guinea, accompagnandolo con la tua preghiera e la tua tenerezza nel suo cammino doloroso verso la libertà. Conosci la sofferenza e la miseria dei tuoi figli: senti le grida dei poveri che reclamano più giustizia e più dignità. Sii la nostra avvocata presso tuo Figlio, il Redentore dell’uomo. Intercedi per i tuoi figli e chiedi per loro la giustizia e la pace. Proteggici dalle divisioni mortali. Insegnaci a rinunciare alle nostre ambizioni egoistiche per ricercare con generosità quanto è utile a tutti i nostri fratelli.

O Maria, Madre delle nazioni, supplica il Padre perché mandi lo Spirito Santo sui figli di questo Paese per illuminare il loro cammino; che Egli ispiri nel loro cuore un amore vero per la loro Patria e per ognuno dei loro fratelli; che ispiri quanti fanno le leggi affinché tutti i Guineani siano rispettati nella loro persona, nei loro diritti, e nelle loro aspirazioni.

O Maria, Madre della Chiesa, rafforza la comunità dei battezzati, sostieni l’ardore missionario della Chiesa nella Guinea, perché diventi sale della terra e luce del mondo e testimoni l’amore di Dio per ogni uomo, senza distinzione di etnia, di classe sociale, di religione o di opinione. Ottieni per tutti i figli di questo Paese che conoscano giorni tranquilli, perché sia loro possibile progredire e costruire una Guinea nuova nella fratellanza, nella tolleranza e nella coesione nazionale.

O Maria, Nostra Signora della Guinea, clemente, misericordiosa e dolce, Madre di Dio e Madre nostra, tu ci precedi nel cammino della fede, conserva in noi la speranza, consentici di condividere fraternamente l’amore di Dio.

Amen.

 

© Copyright 1992 - Libreria Editrice Vaticana

top