The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AD UNA DELEGAZIONE LUTERANA DELLA SVEZIA

Sabato, 17 aprile 1993

 

Cari amici in Cristo,

Sono felice di accogliervi, vescovo Wadensjo e membri della diocesi di c, in occasione della vostra visita a Roma. In questa Ottava di Pasqua, in cui la Chiesa pone il suo sguardo fisso sul Signore risorto “il quale è stato messo a morte per i nostri peccati ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione” (Rm 4, 25), cordialmente vi saluto con le parole dell’apostolo Paolo: “Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo” (1 Cor 1, 3). Con grande gioia ricordo la funzione ecumenica tenutasi nella basilica di San Pietro il 5 ottobre 1991 per celebrare il sesto centenario della canonizzazione di santa Brigida di Svezia. Quella celebrazione indica una ricca eredità comune che cattolici e luterani condividono e che noi dobbiamo continuare a incoraggiare.

Secondo le Scritture, la prima comunità di coloro che hanno creduto alla testimonianza della risurrezione dalla morte di Gesù “aveva un cuor solo e un’anima sola” (At 4, 32). Sebbene durante il corso dei secoli la piena comunione tra quelli che sono nati “dall’acqua e dallo Spirito” (Gv 3, 5) è stata tristemente spezzata, desidero rassicurarvi che la Chiesa Cattolica rimane irrevocabilmente impegnata a restaurare quella piena unità visibile.

insieme. Tramite la nostra persistente preghiera, il dialogo sincero e onesto, e la difesa comune degli autentici valori religiosi ed etici radicati nel Vangelo, rimaniamo fiduciosi che Dio porterà a compimento l’opera buona che egli ha già iniziato in noi (cf. Fil 1, 6).

Che “colui che ha risuscitato Gesù Cristo dai morti” (Rm 8, 11) conceda a tutti voi abbondanti benedizioni di pace e gioia.

 

© Copyright 1993 - Libreria Editrice Vaticana

 

top