The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI PELLEGRINI GIUNTI A ROMA PER LE BEATIFICAZIONI
DI DUE SACERDOTI E TRE SUORE

Lunedģ, 19 aprile 1993

 

1. Saluto tutti voi, carissimi Fratelli e Sorelle, venuti a Roma per rendere omaggio ai nuovi Beati. L’odierno nostro incontro rappresenta un gioioso prolungamento della solenne celebrazione che si č svolta ieri in questa stessa piazza. Con voi lodo il Signore per cosģ straordinaria esperienza spirituale, ed auguro a ciascuno di testimoniare fedelmente il Vangelo, imitando i luminosi esempi di questi Servi di Dio, elevati agli onori degli altari. Saluto, in particolare, i pellegrini di Napoli e di Casoria, esultanti per la beatificazione di Padre Ludovico da Casoria. Questo degno figlio della vostra terra, carissimi, incoraggia con il suo esempio quanti, in un’epoca di acuti contrasti, come la presente, scelgono la “strada stretta” della caritą evangelica (cf. Mt 7, 14). Facendo memoria di questo apostolo della caritą rivolgo con gratitudine il mio pensiero alle Congregazioni religiose da lui fondate, quelle dei Frati della Caritą o Bigi e delle Suore Francescane Elisabettine o Bigie, e ringrazio tutti i suoi figli e figlie spirituali per il loro diuturno apostolato e per l’azione caritatevole da loro costantemente svolta fra i piccoli e i poveri. Carissimi, l’esperienza gioiosa di questi giorni vi sia di conforto e di stimolo ad intensificare, con generosa fedeltą a Cristo, la cura degli ultimi e dei sofferenti, sģ da contribuire ad affermare nel mondo la “civiltą dell’amore”. Esorto inoltre ciascuno di voi, Fratelli e Sorelle qui presenti, secondo la particolare vostra vocazione, a custodire, approfondire e sviluppare nella vostra esistenza gli insegnamenti e gli esempi del Beato Ludovico da Casoria.

2. Parole di saluto rivolgo, poi, alle Suore della Congregazione della Madre di Dio della Misericordia e ai numerosi devoti della Divina Misericordia, convenuti a Roma da molte regioni d’Italia per la Beatificazione di Suor Faustyna Kowalska. Ieri č stato un grande giorno per tutti voi. Carissimi, siate apostoli con la vostra parola e le vostre opere del divino amore misericordioso rivelato in sommo grado in Gesł Cristo. Si tratta di un mistero che, in certo senso, č per tutti gli uomini fonte di una vita diversa da quella che l’essere umano č in grado di costruire con le proprie forze (cf. Dives in misericordia, 14). Sia questo mistero per ciascuno di voi ispirazione e forza per attuare nell’esistenza concreta la misericordia divina. In nome di questo mistero, Cristo ci insegna a perdonare sempre e ad amarci reciprocamente gli uni gli altri come lui stesso ci ha amati. “Dio ricco di misericordia” (Ef 2, 4) vi benedica e renda fecondo il vostro impegno apostolico.

3. En esta gozosa circunstancia deseo saludar a los queridos Hermanos en el episcopado y al numeroso grupo de peregrinos de lengua espańola, venidos a Roma para la Beatificación de la Madre Paula Montal Fornés de San José de Calasanz. De modo especial saludo a los familiares de la nueva Beata, asķ como a las Hijas de Marķa, Religiosas de las Escuelas Pķas, fundadas por ella.

Paula Montal visqué amb senzilleza la fe que els seus pares, profondament cristians, li varen ensenyar. En la seva parrņquia d’Arenys de Mar (Barcelona) va collaborar en la catequesi d’infants i de joves. Fou a partir d’aquesta experičncia que va sentir la necessitat de dedicar–se totalment a l’educació integral de la joventut, sobretot per promocionar la dignitat de la dona.

Toda su labor, dedicada a la enseńanza, estuvo iluminada por su vida de ķntima unión con Dios a través de la oración contemplativa, y también por su amor a las nińas, preparįndolas para su futura misión como esposas y madres de familia. Esto debe ser ejemplo para vosotras, queridas Escolapias, en vuestra actividad docente y formadora de la juventud en la época actual, participando asķ con las familias en la tarea irrenunciable de la educación cristiana y humana de los propios hijos.

La Madre Paula anhelaba que la familia fuese auténticamente cristiana para que Cristo reine por medio de ella en la sociedad. Por eso su obra sigue plenamente vigente en nuestros dķas. A vosotras, exalumnas y alumnas de los diferentes colegios, os invito pues a ser coherentes y a dar testimonio, con la propia vida, de la formación recibida, colaborando en la construcción de una sociedad basada en la “ civilización del amor ”, sobre todo con una entrega generosa hacia los mįs necesitados, a ejemplo de la Madre Paula Montal.

Antes de terminar, deseo saludar cordialmente a los peregrinos venidos para honrar a los demįs Beatos, de modo especial, a quienes han acogido el mensaje de amor de la Divina Misericordia, transmitido por la nueva Beata Sor Faustina Kowalska. A todos os imparto con particular afecto mi Bendición.

Ecco le parole del Papa in una nostra traduzione in lingua italiana.

3. In questa felice circostanza desidero salutare gli amati Fratelli nell’Episcopato e il folto gruppo di pellegrini di lingua spagnola, giunti a Roma per la Beatificazione di Madre Paula Montal Fornés de San José de Calasanz. Saluto in modo speciale i familiari della nuova Beata, cosģ come le Figlie di Maria, Religiose delle Scuole Pie, da essa fondate. Paula Montal visse con semplicitą la fede che i suoi genitori, profondamente cristiani, le avevano trasmesso. Nella sua parrocchia di Arenys de Mar (Barcellona) collaborņ alla catechesi di bambini e giovani. Sarą a partire da questa esperienza che sentirą la necessitą di dedicarsi totalmente all’educazione integrale dei giovani, soprattutto per promuovere la dignitą della donna. Tutta la sua opera, dedicata all’insegnamento, fu illuminata dalla sua vita di intima unione con Dio attraverso la preghiera contemplativa, e anche attraverso il suo amore per le bambine, preparandole alla loro futura missione come mogli e madri di famiglia. Questo deve essere un esempio, care Scolopie, per la vostra attivitą di insegnanti e formatrici dei giovani nell’epoca attuale, partecipando cosģ con le famiglie al compito imprescindibile dell’educazione cristiana e umana dei propri figli. Madre Paula desiderava che la famiglia fosse realmente cristiana affinché Cristo regnasse per mezzo di essa nella societą. Per questo la sua opera continua a essere pienamente valida ai nostri giorni. Esorto voi, ex alunne e alunne dei diversi collegi, ad essere quindi coerenti e a offrire una testimonianza, con la vostra vita, della formazione ricevuta, collaborando alla costruzione di una societą fondata sulla “civiltą dell’amore”, soprattutto con una dedizione generosa verso i pił bisognosi, sull’esempio di Madre Paula Montal. Prima di concludere, desidero salutare cordialmente i pellegrini venuti per onorare gli altri Beati e in modo particolare coloro i quali hanno accolto il messaggio di amore della Misericordia Divina, trasmesso dalla nuova Beata Suor Faustyna Kowalska. A tutti imparto con particolare affetto la mia benedizione.

4. Drodzy Rodacy, nazajutrz po beatyfikacji spotykamy się wspólnie w bardzo licznym gronie. Są tu pielgrzymi z Polski, ale są także Rodacy żyjący poza jej granicami. Serdecznie witam wszystkich tu obecnych.

Słowa pozdrowienia szczególnego kieruję do Księdza Prymasa, Księdza Kardynała Metropolity Krakowskiego, do wszystkich moich Braci w Biskupstwie tu obecnych. Pozdrawiam serdecznie kapłanów, rodziny zakonne, a zwłaszcza Siostry Felicjanki – duchowe córki Błogosławionej Marii Angeli Truszkowskiej, a także WspółsiostryBłogosławionej Faustyny Kowalskiej ze Zgromadzenia Matki Bożej Miłosierdzia. Są tu pielgrzymi z różnych stron Polski, są także nasi bracia z Wilna. Księdza Arcybiskupa wileńskiego i wszystkich pielgrzymów – zwłaszcza młodzież wileńską – serdecznie pozdrawiam. Garbe Jezui Kristui! Sa także pielgrzymi z Krakowa, a zwłaszcza z Kazimierza, czciciele Stanisława Kazimierczyka, zwanego od wieków, a wczoraj nazwanego na placu św. Piotra, “ błogosławionym ”. Witam serdecznie parafian Bożego Ciała, witam duszpasterzy – ojców Zakonu Kanoników Regularnych Laterańskich.

Również i dzisiaj są obecni przedstawiciele władz państwowych i wojewódzkich – serdecznie ich wszystkichy pozdrawiam i witam.

Mówi Sobór Watykański II, poprzez Świętych “ Bóg ukazuje ludziom naocznie swoją obecność i swoje oblicze. W nich do nas przemawia i daje nam znak Królestwa Bożego ”.  Bóg przemówił do nas wczoraj przez nowych Błogosławionych.

Przemówił przez wspaniałe dziedzictwo duchowe Błogosławionej Marii Angeli Truszkowskiej, która drogę odnowy człowieka i świata widziała w wiernym pełnieniu woli Bożej oraz w miłości i ofiarnej służbie bliżniemu. Przez całe życie szła wiernie za Chrystusem i Jego Krzyżem, bez względu na cenę, jaką trzeba było za to zapłacić. Wierna w cierpieniu, wierna w miłości, wierna do końca, bo jej pokarmem było pełnienie woli Tego, który ją posłał.

Przemówił do nas Bóg przez bogactwo duchowe Błogosławionej Siostry Faustyny Kowalskiej. Zostawiła ona światu wielkie orędzie Bożego Miłosierdzia oraz zachętę do całkowitego zawierzenia Stwórcy. Bóg dał jej łaskę szczególną, bo mogła doświadczać Jego Miłosierdzia na drodze przeżyć mistycznych i dzięki szczególnemu darowi modlitwy kontemplacyjnej. Siostro Faustyno,Błogosławiona, dziękuję Ci, że przypomniałaś światu tę wielką tajemnicę Miłosierdzia Bożego. Ową “ wstrząsającą tajemnicę ”. Niewysłowioną tajemnicę Ojca, której tak bardzo potrzebuje dzisiaj człowiek i cały świat: “ Wysławiajmy Pana, bo dobry jest, bo nawieki Jego miłosierdzie ”.

Przemówił do nas Bóg przez Błogosławionego Stanisława Kazimierczyka, kapłana z Zakonu Kanoników Regularnych Laterańskich, którego grób otaczany jest czcią w kościele Bożego Ciała w Krakowie. Jego “ święte i przykładne życie ” rzeźbił Chrystus obecny w Eucharystii. Chrystus, przed którym spędzał długie godziny na adoracji. Od Niego uczył się miłości i służby drugiemu człowiekowi. Dla Błogosławionego Stanisława Chrystus był prawdziwą światłością, która go nieustannie oswiecała na drogach powołania kapłańskiego i zakonnego. Słusznie został nazwany “ światłem życia zakonnego ”. I tak ten nowy Stanisław, chociaż nie taki dzisiejszy, dodaje jeszcze jedną cegłę do wielkiej Stanisławowej tradycji Krakowa i Polski.

Ecco le parole del Papa in una nostra traduzione in lingua italiana.

4. Miei cari Connazionali, il giorno dopo la beatificazione c’incontriamo tutti insieme e siamo tantissimi. Sono venuti qui i pellegrini provenienti della Polonia ma anche altri connazionali che vivono fuori della patria. Saluto cordialmente tutti qui presenti. In modo particolare saluto Sua Eminenza Card. Primate, Sua Eminenza Card. Metropolita di Cracovia, i Fratelli nell’Episcopato qui presenti. Saluto anche i sacerdoti, le famiglie religiose e soprattutto le suore feliciane – figlie spirituali della Beata Maria Angela Truszkowska e le consorelle della Beata Faustyna Kowalska della Congregazione di Nostra Signora della Misericordia. Sono qui presenti pellegrini venuti da varie parti della Polonia, ci sono anche i nostri fratelli di Vilnius. Saluto cordialmente Sua Eccellenza Arcivescovo di Vilnius e tutti i pellegrini, soprattutto i giovani. Garbč Jčzui Kristui! Ci sono anche i pellegrini di Cracovia, e soprattutto da Kazimierz, devoti di Stanislaw Kazimierczyk, da secoli – e da ieri in Piazza San Pietro – chiamato “beato”. Saluto cordialmente i parrocchiani della chiesa Corpus Domini, saluto i pastori-padri della Congregazione dei Canonici Regolari Lateranensi. Anche oggi sono presenti i rappresentati delle Autoritą Statali e di quelle regionali; do il benvenuto e saluto tutti cordialmente. Il Concilio Vaticano II afferma che attraverso i Santi “Dio manifesta vividamente agli uomini la sua presenza e il suo volto. In loro č Egli stesso che ci parla e ci mostra il segno del suo Regno” (Lumen gentium, 50). Dio ci ha parlato ieri attraverso i nuovi Beati. Ha parlato attraverso il ricco patrimonio spirituale della Beata Maria Angela Truszkowska la quale vedeva la via di rinnovamento dell’uomo e del mondo nella fedele realizzazione della volontą di Dio, nell’amore e nel generoso servizio del prossimo. Durante tutta la sua vita ha seguito fedelmente Cristo e la sua Croce, senza badare al prezzo richiesto. Fedele nella sofferenza, fedele nell’amore, fedele fino alla fine, perché il suo cibo era fare la volontą di colui che l’aveva mandata (cf. Gv 4, 34). Dio ci ha parlato attraverso la ricchezza spirituale della Beata Suor Faustyna Kowalska. Ella ha lasciato al mondo il grande messaggio della Misericordia Divina come pure l’invito ad affidarsi completamente al Creatore. Dio le ha dato una grazia particolare perché ella ha potuto provare la sua Misericordia mediante le esperienze mistiche e grazie al dono speciale della preghiera contemplativa. Ti ringrazio, Beata Suor Faustyna Kowalska per aver ricordato al mondo questo grande mistero della Misericordia Divina. Quel “mistero sconvolgente”, quell’ineffabile mistero del Padre di cui oggi l’uomo e il mondo hanno tanto bisogno: “Celebriamo il Signore perché č buono, perché eterna č la sua misericordia” (cf. Sal 107, 1). Dio ci ha parlato attraverso il Beato Stanislaw Kazimierczyk, sacerdote della Congregazione dei Canonici Lateranensi, la cui tomba č venerata presso la chiesa del Corpus Christi a Cracovia. La sua vita “santa e esemplare” č stata scolpita da Cristo presente nell’Eucaristia, davanti al quale egli passava lunghe ore in adorazione. Da Lui il Beato Stanislaw Kazimierczyk ha imparato ad amare ed a servire il prossimo. Cristo era per lui la vera luce che illuminava le vie della sua vocazione sacerdotale e religiosa. Giustamente č stato chiamato “la luce della vita religiosa”. E cosģ questo nuovo Stanislaw aggiunge un’altra pietra alla grande tradizione dei Stanislaw di Cracovia e della Polonia.

5. Cristo era la base sulla quale i nostri Beati costruivano la loro umanitą e la loro santitą. In Lui vedevano l’unico fondamento di ogni uomo, di ogni nazione, dell’umanitą intera. Con le proprie vite mostrano chiaramente chi era Cristo per loro. Indicano le radici della piena umanitą, i valori che danno la forma alla vita. Indicano Cristo. San Paolo dice: “Infatti nessuno puņ porre un fondamento diverso da quello che gią vi si trova, che č Gesł Cristo” (1 Cor 3, 11), “in virtł del quale esistono tutte le cose e noi esistiamo per Lui” (1 Cor 8, 6). Non lasciamoci sedurre dalla tentazione di rifiutare i valori che Cristo ci ha portato, quel grande bene che ci ha dato il cristianesimo. Solo la fede rivela in pieno la vera identitą dell’uomo, solo l’amore puņ vincere l’egoismo nascente e le sue conseguenze. L’amore č la potenza pił profonda che forma la vita umana, la potenza che unisce, la forza che costruisce. I nuovi Beati ci ricordano che “Dio č amore”, e che quest’amore č pił forte del peccato, della debolezza, della morte. Č sempre pronto a sopportare, perdonare ed andare incontro al figlio prodigo, non cessa di cercare “la rivelazione dei figli di Dio” che sono chiamati alla gloria. La rivelazione dell’amore si chiama anche misericordia ed ha nella storia dell’uomo una sola specie ed un solo nome. Si chiama: Gesł Cristo (cf. Redemptor hominis, 9). Il Vangelo parla dell’uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia: “Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia” (Mt 7, 24-25). Su questa roccia che č Gesł č stata costruita la storia dell’Europa e della nostra Nazione. Egli stesso č la potenza, egli č la nostra speranza. I nostri nuovi Beati ce lo ricordano e c’incoraggiano con le loro vite].

6. I cordially welcome the Bishops, priests, religious and lay pilgrims present for the Beatification of Mary Angela Truszkowska. In a special way I greet her spiritual daughters, the Felician Sisters, whom I thank for their generous service to the universal Church and, above all, to the Church in the United States.

Dear Sisters, through your religious consecration and your varied apostolate you bear convincing witness to the Church’s spiritual heritage. I was able to experience this personally during my visits to your country. May your Foundress, elevated yesterday to the honors of the altar, continue to inspire this generous service.

Mother Angela, filled with love for God and neighbor, and following in the footsteps of Saint Francis, wanted to renew the world by being ever faithful to the will of God in the service of others. The words of Christ: "My food is to do the will of the one who sent me"  inspired her in the realization of her one desire–to become a holocaust of love, to serve to the end, to follow Christ on the way of the Cross without counting the cost.

Her life was marked by love. Love made her care for those who were in need of bread, of a home, of the truth of the Gospel.

Her life was marked by the Cross. She drew her strength from Jesus. She lived in him and with him, united with him in prayer and through her great love of the Eucharist.

Her life was marked by faith. Her trust in God’s love enabled her, during her great sufferings and internal trials, to be transformed by grace and to be always an instrument of God’s saving work. Faith purified by the darkness of the spiritual night enabled her to reach the point of seeing in every suffering the expression of the love and kindness of the heavenly Father. From that faith she drew the strength to persevere and endure all sufferings, to accept and love the will of God, even the most difficult.

May Blessed Mary Angela Truszkowska be for you an example of fidelity to Christ, even to Calvary; an example of daily fidelity to the evangelical counsels in the spirit of the Gospel.

Ecco le parole del Papa in una nostra traduzione in lingua italiana.

6. Saluto cordialmente i Vescovi, i sacerdoti, i religiosi e i pellegrini laici convenuti per la Beatificazione di Maria Angela Truszkowska. Saluto, in particolare, le sue sorelle spirituali, le Suore Feliciane, che ringrazio per il generoso servizio offerto alla Chiesa universale e, soprattutto, alla Chiesa negli Stati Uniti. Care Sorelle, attraverso la vostra consacrazione religiosa e il vostro molteplice apostolato offrite una convincente testimonianza dell’ereditą spirituale della Chiesa. Ho potuto sperimentare questo di persona durante le mie visite nel vostro Paese. Possa la vostra Fondatrice, elevata ieri agli onori degli altari, continuare a ispirare questo generoso servizio. Madre Angela, piena d’amore per il Signore e per il prossimo, seguendo le orme di San Francesco, voleva rinnovare il mondo con la costante fedeltą alla volontą di Dio e il servizio verso gli altri. Le parole di Cristo: “Mio cibo č fare la volontą di Colui che mi ha mandato” (Gv 4, 34) la ispirarono nella realizzazione del suo unico desiderio: divenire un olocausto d’amore, servire fino alla fine, seguire Cristo sulla via della Croce senza considerarne il sacrificio. La sua vita fu caratterizzata dall’amore. L’amore la spinse a occuparsi di coloro che avevano bisogno di pane, di una casa, della veritą del Vangelo. La sua vita fu segnata dalla Croce. Essa attinse la sua forza da Gesł. Visse in Lui e con Lui, unita a Lui nella preghiera e attraverso il suo grande amore per l’Eucaristia. La sua vita fu segnata dalla fede. Il suo credere nell’amore di Dio le permise, nelle sue sofferenze e nei suoi conflitti interiori, di venir trasformata dalla Grazia e di essere sempre uno strumento dell’opera salvifica di Dio. La fede purificata dalle tenebre della notte spirituale le permise di arrivare al punto di scorgere in ogni sofferenza l’espressione dell’amore e della bontą del Padre Celeste. Dalla fede essa ricavņ la forza di perseverare e di sopportare tutte le sofferenze, di accettare e di amare la volontą di Dio, persino quella pił ardua. Possa la Beata Maria Angela Truszkowska essere per voi un esempio di fedeltą verso Cristo, persino verso il Calvario; un esempio di fedeltą quotidiana ai consigli evangelici nello spirito del Vangelo.

Carissimi pellegrini e devoti, tutti presenti, l’esempio e l’intercessione dei nuovi Beati, che oggi con particolare gioia veneriamo, vi accompagnino nel vostro quotidiano itinerario cristiano. Vi sia di incoraggiamento anche la benedizione apostolica, che di cuore voglio offrire, a voi qui presenti e a tutte le persone a voi care, insieme con tutti i miei fratelli nell’Episcopato presenti a quest’udienza.

Devo ora salutare i pellegrini messicani, tanto buoni, tanto ospitali, ospitali nella loro patria. Il Papa ha potuto sperimentare questa grande generositą dei messicani in occasione di due visite. Molte grazie per la vostra presenza. Molte grazie per la vostra devozione alla misericordia di Dio, di Cristo. Alla misericordia trasmessa a noi nel nostro secolo dalla Beata Faustyna Kowalska. Il Signore vi benedica tutti.

Visto che siamo ritornati a Suor Faustyna, vi auguro che queste semplici parole “Gesł, confido in te”, che vedo su tante immagini portate qui, che queste parole siano per i cuori degli uomini – anche nel futuro, anche alla fine di questo secolo, di questo Millennio e dopo – una chiara indicazione della via da percorrere. “Gesł, confido in te”. Non c’č un’oscuritą in cui uomo possa perdersi. Se confida in Gesł, si ritroverą sempre nella luce. Sia lodato Gesł Cristo!

Carissimi pellegrini e devoti, tutti presenti, l’esempio e l’intercessione dei nuovi Beati, che oggi con particolare gioia veneriamo, vi accompagnino nel vostro quotidiano itinerario cristiano. Vi sia di incoraggiamento anche la Benedizione Apostolica, che di cuore voglio offrire, a voi qui presenti e a tutte le persone a voi care, insieme con tutti i miei fratelli nell’Episcopato presenti a quest’udienza.

Debo ahora saludar a los peregrinos mexicanos, muy buenos, muy acogedores, acogedores en su patria. El Papa ha podido experimentar esta gran generosidad de los mexicanos durante dos visitas. Muchas gracias por vuestra presencia. Muchas gracias por vuestra devoción a la misericordia de Dios, de Cristo. A la misericordia transmitida a nosotros en nuestro siglo a través de la beata Faustyna Kowalska. El Seńor bendiga a todos.

Skorośmy już wrócili do Siostry Faustyny to jeszcze jedno życzenie, ażeby te proste słowa “ Jezu, ufam Tobie! ”, które widzę tu na tylu obrazach, były dla ludzkich serc również i w przyszłości, przy końcu tego stulecia i tego tysiaclecia, i następnych, wciąż jasnym wskaźnikiem drogi. “ Jezu, ufam Tobie! ”. Nie ma takiej ciemności, gdzie by człowiek musiał się zagubić. Jeżeli zaufa Jezusowi zawsze znajdzie się w świetle. Niech będzie pochwalony Jezus Chrystus.

 

© Copyright 1993 - Libreria Editrice Vaticana

 

top