The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AD UN GRUPPO DI DIRIGENTI DELLE
SCUOLE CATTOLICHE DI TORONTO

Sala dei Papi - Venerdý, 18 marzo 1994

 

Eccellenze,
Signore e Signori
,

Rivolgo un caloroso benvenuto questa mattina ai Dirigenti ed agli amici del Comitato Cittadino delle Scuole cattoliche di Toronto. L’educazione cattolica offre un insostituibile servizio al popolo di Dio, un servizio per il quale la Chiesa Ŕ estremamente grata. Colgo l’occasione di esprimere, a nome della Chiesa, i miei ringraziamenti ad ognuno di voi: per il vostro amore al Corpo Mistico di Cristo, per la vostra fedeltÓ ai suoi pastori nonchÚ per la vostra fedele testimonianza alla liberante “veritÓ del Vangelo” (Gal 2, 14).

Se le Scuole cattoliche devono rimanere autenticamente cattoliche - vale a dire fedeli alla loro vocazione e grazia - devono incoraggiare un incontro vivo con Ges¨ Cristo, “la via, la veritÓ e la vita” (Gv 14, 6). La promozione del carattere genuinamente cattolico delle vostre scuole richiede la volontÓ, da parte di tutti quelli che sono coinvolti, di trovare la via per promuovere la missione ecclesiale dell’istituto e per costruire una comunitÓ di vita e solidarietÓ basata sulla parola salvifica di nostro Signore Ges¨ Cristo.

Grazie alle continue opere dei cattolici dell’Ontario, vi Ŕ stato fatto dono di un ampio sistema di scuole cattoliche, del tutto orgogliose della loro propria identitÓ e dei loro specifici contributi al “mosaico canadese”. Le scuole cattoliche aiutano i genitori a svolgere il loro compito di essere “i primi e principali educatori dei propri figli” (Giovanni Paolo II, Lettera alle Famiglie, n. 16). Una societÓ veramente libera riconosce “l’insostituibile ed inalienabile” diritto dei genitori di sovrintendere l’educazione scolastica dei propri figli. (cf. Giovanni Paolo II, Familiaris consortio, 13). In quest’ottica la responsabilitÓ educativa dello Stato Ŕ sempre complementare e non pu˛ mai sostituire il ruolo fondamentale dei genitori. Con soddisfazione ricordo che, nel rispetto delle sue tradizioni di democrazia, di perseguimento della giustizia e di difesa dei diritti umani la Provincia dell’Ontario riconosce il dovere di “preoccuparsi che le sovvenzioni pubbliche siano erogate in maniera che i genitori possano scegliere le scuole per i propri figli in piena libertÓ, secondo la loro coscienza” (Gravissimum educationis, 6).

Cari amici: ritornando in Canada spero che siate rafforzati nella fede e rinnovati nella gioia e nell’entusiasmo per affrontare il grande lavoro affidatovi. Con questa preghiera raccomando tutti voi all’intercessione di San Giuseppe Custode del Redentore e Patrono del Canada ed imparto di cuore la mia benedizione apostolica.

 

ę Copyright 1994 - Libreria Editrice Vaticana

 

top