The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
ALL'INIZIO DELLA MESSA NELL'ANNIVERSARIO
DELLA SCOMPARSA DEI DUE VENERATI PREDECESSORI

Mercoledì, 28 settembre 1994

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

Ricordiamo in questa Santa Messa il Papa Giovanni Paolo I nel XVI anniversario della sua morte. Il nostro pensiero va pure al Papa Paolo VI, chiamato anch’egli dal Signore sedici anni fa, all’inizio del mese di agosto.

La memoria del loro ministero e dei loro insegnamenti è ben viva nel nostro cuore e il pensiero di suffragio che oggi per loro eleviamo vuole esprimere anche la nostra gratitudine per le fatiche che hanno speso per il bene della Chiesa e del mondo intero.

Essi si sono prodigati instancabilmente nel recare all’umanità il vivificante messaggio di Cristo. Di loro mi piace oggi sottolineare l’ardore ed il vigore con cui hanno annunziato e testimoniato la lieta novella del Regno di Dio.

Soleva dire Papa Luciani che la Chiesa non annuncia “un pacchetto di idee o di nozioni”, ma “quello che Dio ha fatto per noi, tutta una serie di interventi, una lunga storia d’amore, che si incentra in una persona: Cristo”.

Di cos’altro, in effetti, ha bisogno il mondo se non di sperimentare la profondità dell’amore che Dio nutre per ciascuno dei suoi figli? Proprio questo i Papi Paolo VI e Giovanni Paolo I hanno proclamato con le parole e con la vita.

Mentre li ringraziamo per il loro esempio e per il loro servizio ecclesiale, li affidiamo con fiducia alla misericordia del Signore.

Con tali sentimenti iniziamo il Sacrificio eucaristico, mistero di morte e di resurrezione, di speranza e di vita immortale.

Rivolgendosi ai numerosi fedeli presenti nell’Aula Paolo VI, il Santo Padre ha ricordato con queste parole i due Predecessori scomparsi sedici anni fa:

Questa Udienza generale si svolge nel giorno in cui facciamo memoria dei Papi Paolo VI e Giovanni Paolo I, chiamati 16 anni fa alla gioia della casa del Padre. Il loro esempio ed il loro insegnamento continuano ad illuminare il cammino dei credenti alle soglie del terzo Millennio.

Stamane ho celebrato la Santa Messa per loro. Invito anche voi, a ricordarli nella preghiera e, in particolare, ad unirvi spiritualmente alla solenne Celebrazione eucaristica di suffragio, che avrà luogo questa sera nella Basilica di S. Pietro. Esprimiamo a Dio la nostra riconoscenza per il servizio pastorale, generosamente offerto da questi due grandi Maestri e Pastori del popolo cristiano e chiediamo al Signore che conceda loro il meritato premio celeste.

 

© Copyright 1994 - Libreria Editrice Vaticana

 

top