The Holy See
back up
Search
riga

VISITA PASTORALE IN TUNISIA (14 APRILE 1996)

CERIMONIA DI CONGEDO

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II

Aeroporto internazionale di Tunisi
Domenica, 14 aprile 1996

 

Signor Presidente della Repubblica,
Signore e Signori Rappresentanti
delle Autorità dello Stato,
Cari amici,

1. Al termine della memorabile giornata che mi è stato dato di trascorrere nel vostro Paese, vi ringrazio di essere venuti ad accomiatarvi. Sia certo, Signor Presidente, di tutta la mia gratitudine per la sua accoglienza e per il modo cortese con cui ha preso tutte le misure utili al mio soggiorno. Voglia trasmettere l’espressione della mia riconoscenza ai suoi collaboratori e a tutte le persone che hanno partecipato ai diversi servizi e che hanno organizzato nel migliore dei modi i miei spostamenti e i miei incontri di oggi. Grazie alla cortese attenzione di tutti, conserverò un prezioso ricordo di questa visita in Tunisia.

2. Permettetemi di esprimere anche ai rappresentanti della stampa tunisina e straniera i miei cordiali ringraziamenti per la loro presenza attiva, che ha permesso a un gran numero di persone di associarsi a questa visita del Successore di Pietro in una terra resa illustre da san Cipriano e da sant’Agostino, così come da molte altre importanti figure nel corso della storia della Tunisia.

3. Prima di partire, vorrei rinnovare a tutta la comunità cattolica i miei sentimenti affettuosi e riconoscenti per l’accoglienza che mi ha riservato. Incoraggio vivamente i miei fratelli cattolici a perseverare in una vita fraterna e in una fedeltà sempre più profonda al comandamento dell’amore verso Dio e verso il prossimo, poiché è questo il mandato supremo che abbiamo ricevuto da Gesù Cristo.

4. Signor Presidente, i vincoli della Tunisia con la Sede Apostolica sono stati felicemente rafforzati dai contatti diretti stabiliti durante questo viaggio. Nel rinnovarle l’espressione della mia gratitudine, formulo i miei migliori auguri per la sua persona e per i dirigenti della Nazione, affinché vi sia dato di continuare la vostra opera al servizio della prosperità e del benessere di tutto il popolo. Saluto cordialmente tutti gli abitanti di questo Paese, con un affetto particolare per le persone più provate e bisognose. Che tutti siano colmati delle benedizioni di Dio, l’Onnipotente!

 

© Copyright 1996 - Libreria Editrice Vaticana 

   

top