The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI CAVALIERI DI COLOMBO

Giovedì, 11 dicembre 1997 

 

Eccellenza,
Cari amici,

sono lieto di salutare il Supremo Cavaliere Virgil Dechant e i membri dell'Esecutivo dei Cavalieri di Colombo. La vostra visita a Roma mi offre l'opportunità di esprimere la mia gratitudine per l'eccezionale sostegno spirituale e materiale che i Cavalieri continuano a dare alla missione della Chiesa universale. Vi assicuro del mio personale ringraziamento per la vostra vicinanza al Papa nel suo ministero di servizio al Vangelo e di edificazione di tutti i discepoli di Cristo nella fede e nell'amore.

Il nostro incontro si svolge durante la celebrazione dell'Assemblea Speciale per l'America del Sinodo dei Vescovi nel quale Pastori delle Chiese particolari del continente americano sono riuniti per ponderare le sfide della nuova evangelizzazione. Nel Sinodo, abbiamo visto all'opera uno spirito di sempre maggiore solidarietà fra i popoli cattolici del Nord e del Sud dell'America. Un ruolo essenziale in questo grande compito di rinnovamento ecclesiale sarà svolto da uomini e da donne laici e io confido nel fatto che i Cavalieri, fedeli agli alti ideali del loro fondatore, contribuiranno alla trasformazione della società attraverso la loro fedeltà quotidiana al Vangelo.

Assicurando tutti i Cavalieri e le loro famiglie delle mie preghiere, imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica come pegno di gioia e di forza in Gesù Cristo nostro Salvatore.

 

© Copyright 1997 - Libreria Editrice Vaticana

top