The Holy See
back up
Search
riga

VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA ROMANA
DI SANTA MARIA DOMENICA MAZZARELLO

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI BAMBINI

Domenica, 14 dicembre 1997

 

Sia lodato Gesù Cristo! Saluto la vostra parrocchia, tutti i presenti, il vostro parroco, il Viceparroco, i genitori, i catechisti e i bambini. Oggi è una domenica di Avvento che, in lingua latina si chiama: «Gaudete». Voi naturalmente conoscete la lingua latina, perché dicono che l'italiano è il latino moderno.

«Gaudete» significa «gioite» e questo lo capite bene. Perché gioire? Perché oggi è una bella giornata e poi perché siamo vicini al Natale. Oggi è il 14 dicembre. Ci mancano dieci giorni al 24, la vigilia di Natale e il 25 è la solennità del Natale. Siamo vicini e il Natale porta una grande gioia a tutti gli uomini del mondo e soprattutto ai bambini. Vi auguro una buona preparazione a questa solennità natalizia, vi auguro una grande gioia. Ma la gioia è perfetta quando sappiamo trasmetterla agli altri, condividerla con gli altri. Vi auguro anche di condividere la gioia del Natale con gli altri, con i vostri coetanei, con i vostri genitori e con tutto il mondo. Abbiamo riflettuto insieme sul tema della domenica di oggi. «Gaudete». Vi auguro veramente questo gaudio, questa allegria del Natale nelle vostre casa, nella vostra parrocchia e a Roma intera. Adesso andiamo a celebrare la Messa.

I bambini hanno quindi intonato un canto preparato nei giorni scorsi proprio in vista della visita del Santo Padre. Dopo averlo ascoltato il Papa ha detto:

Grazie. Per me è una grande allegria.

 

© Copyright 1997 - Libreria Editrice Vaticana

top