The Holy See
back up
Search
riga

MESSAGGIO DI GIOVANNI PAOLO II 
AI GIOVANI DELL'AZIONE CATTOLICA

 

Carissimi giovani di Azione Cattolica!

Con grande gioia avrei voluto essere tra voi per questo vostro straordinario incontro e soprattutto per condividere questo momento di universale fraternità nello stadio Olimpico. La mia missione mi chiama però tra i fratelli del Libano per la conclusione del loro Sinodo speciale e perciò mi rivolgo a voi con questo messaggio. Quando lo ascolterete, io sarò spiritualmente tra voi e voi sarete uniti a me nella preghiera: si stabilirà così un “ponte” tra Roma, Beyrouth e l’intero Libano.Grazie di cuore per questa vostra partecipazione all’universale ministero petrino del Papa. Voi sapete quanto io conti sui giovani. Il Papa ama i giovani, speranza della Chiesa e dell’umanità! Il Papa vi vuole bene, cari ragazzi e ragazze dell’Azione Cattolica Italiana!

È molto suggestiva l’immagine del ponte che, abbinata a quella dell’arcobaleno, ha guidato quest’anno il cammino dei vostri gruppi. Sono due immagini simboliche che fanno pensare a Cristo: è Lui il vero ed unico “Ponte” tra Dio e gli uomini; è ancora Lui il vero ed unico “Arcobaleno”, segno di alleanza e di pace per il genere umano e per il cosmo intero. Costruire ponti e arcobaleni significa perciò aderire a Cristo, accoglierlo nella propria vita ed annunciarlo agli altri.

Carissimi giovani dell’Azione Cattolica Italiana, Gesù chiama tutti noi a diventare “ponti” e “arcobaleni”. A voi, giovani di Azione Cattolica, egli affida la missione di essere “giovani apostoli dei giovani”, tra i vostri coetanei. Giovani testimoni con lo stile del dialogo. Anche qui, è Cristo il modello: la sua Incarnazione è il supremo compimento del dialogo di Dio con l’uomo. La sua Pasqua ha gettato un ponte di vita soprannaturale che colma l’abisso del peccato e della morte. Per il cristiano, il dialogo non è una tattica, ma uno stile di vita: significa ascoltare, accogliere, condividere, farsi prossimo. Significa anche pregare, intercedere. Significa proporre Cristo, perché solo Lui è il Salvatore, la speranza per ogni uomo.

Carissimi giovani, vi lascio un augurio che è anche un impegno: trasformate lo slogan di un anno nella scelta di tutta una vita, fate della vostra esistenza un ponte verso Dio e verso i fratelli. Per questo prego e, spiritualmente unito a voi tutti, invio di cuore a ciascuno, ai responsabili nazionali ed agli animatori, agli assistenti spirituali e ad ogni ragazzo e ragazza una speciale Benedizione.

Dal Vaticano, 8 Maggio 1997.

IOANNES PAULUS PP. II

 

© Copyright 1997 - Libreria Editrice Vaticana

top