The Holy See
back up
Search
riga

MESSAGGIO DI GIOVANNI PAOLO II
AI MEMBRI DELLA PAPAL FOUNDATION 

 

Ai membri della Papal Foundation,

ancora una volta sono lieto di accogliere i membri della Papal Foundation e di esprimere la mia gratitudine per il sostegno che la fondazione ha di nuovo offerto quest'anno al Successore di Pietro nel suo ministero apostolico di «preoccupazione per tutte le Chiese» (2 Cor 11, 28).

Il nostro incontro si svolge all'inizio del tempo pasquale, quando l'intera Chiesa, in un certo senso, torna alle origini: al sepolcro vuoto e al Cenacolo a Gerusalemme dove il Signore Risorto è apparso agli Apostoli e ha promesso di infondere loro lo Spirito Santo. Durante questo tempo santo la Chiesa ricorda anche la missione che Cristo ha affidato a Pietro e agli altri Apostoli, incaricandoli di annunciare il Vangelo e di recare testimonianza a lui, fino ai confini della terra (cfr At 1, 7). Questa grande missione viene portata avanti in ogni epoca dai Successori degli Apostoli, con Pietro come loro capo. È mia speranza e preghiera che la visita di oggi al Successore di Pietro rinnovi in ognuno di voi un senso di comunione gioiosa con il Signore della Vita e anche una più solida determinazione per cooperare alla missione universale della sua Chiesa.

Negli anni trascorsi dalla sua istituzione, la Papal Foundation ha dimostrato una sollecitudine particolare per le esigenze della Chiesa nei Paesi in via di sviluppo. Apprezzo profondamente questo impegno di solidarietà effettiva con i nostri fratelli e con le nostre sorelle nel mondo che guardano con speranza alla testimonianza della Chiesa al Vangelo e ai suoi sforzi per promuovere la giustizia, la riconciliazione e la cooperazione fraterna fra i membri della famiglia umana. Attendendo il tempo di grazia che è il Grande Giubileo dell'Anno 2000, vi invito a continuare a operare e pregare affinché la Chiesa diventi, nella vita dei suoi membri, sempre più pienamente il segno e lo strumento dell'unità di tutta la famiglia umana e la sua unione salvifica con Dio (cfr Lumen gentium, n. 1).

Con grande affetto affido voi e le vostre famiglie all'intercessione amorevole di Maria, Madre della Chiesa. A quanti sono uniti nell'opera della Papal Foundation imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica, quale pegno di gioia e di pace in nostro Signore Gesù Cristo.

Dal Vaticano, 12 aprile 1999

GIOVANNI PAOLO II

 

© Copyright 1999 - Libreria Editrice Vaticana

    

top