The Holy See
back up
Search
riga

UDIENZA DI GIOVANNI PAOLO II
AI PARTECIPANTI A DIVERSI PELLEGRINAGGI GIUBILARI

Sabato, 9 dicembre 2000

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Con grande gioia vi accolgo quest'oggi, all'indomani della solennitą dell'Immacolata Concezione di Maria, e vi ringrazio della vostra gentile visita. Voi siete venuti per varcare la Porta Santa e celebrare il vostro Giubileo. Porgo a ciascuno il mio cordiale saluto, lieto di condividere con voi la gioia dell'incontro con il Signore.

Il mio pensiero va innanzitutto ai numerosi pellegrini provenienti da varie parrocchie d'Italia. In particolare, saluto i fedeli di Grumo Nevano. Carissimi, nell'odierna societą, segnata da rapidi e profondi mutamenti sociali e culturali, sia vostra cura aggiornare costantemente la vostra formazione religiosa, approfondendo i contenuti della fede. Crescete inoltre nella conoscenza e nella comunione con il Signore, intrattenendo con Lui un intenso rapporto personale, fatto di ascolto della sua parola e di autentica preghiera. Potrete cosģ essere pronti a rispondere senza esitazioni a chi vi domanda ragione della vostra adesione a Cristo, Redentore di ogni uomo e di tutto l'uomo.

2. Penso ora con affetto a voi, cari Membri della Cooperativa Radio Taxi Trentacinque-Settanta di Roma ed a coloro che a voi si sono uniti da varie Nazioni d'Europa per celebrare uno speciale Giubileo dei taxisti e degli auto-trasportatori. Siete venuti insieme alle vostre famiglie. Grazie per la vostra presenza, grazie per i significativi doni che recate. Voi svolgete un importante servizio alla collettivitą e trascorrete non poche ore della vostra giornata sui mezzi che conducete. La vostra attivitą lavorativa vi pone a contatto costante con la gente; potete cosģ conoscere i vari volti della societą, raccogliendo non di rado le confidenze dei passeggeri. Siate sempre pronti ad ascoltare con cortesia e pazienza, sforzandovi di trasmettere serenitą a quanti incontrate. Voi potete svolgere un prezioso servizio di evangelizzazione, se saprete comunicare ai vostri interlocutori la gioia della vostra fede e del vostro impegno cristiano. Perché ciņ avvenga, non tralasciate di crescere voi stessi nella conoscenza di Cristo e del suo Vangelo. In ogni persona che accostate cercate di riconoscere un fratello da amare e da servire.

3. Rivolgo ora la mia parola alla Federazione degli Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontariato. Carissimi, al termine dell'annuale Assemblea generale, avete voluto recarmi il vostro deferente saluto. Vi ringrazio per la vostra presenza e per il vostro cordiale gesto.

La vostra benemerita attivitą a favore dei Paesi in via di sviluppo scaturisce da un profondo desiderio di mettere in pratica il Vangelo della caritą. In tale contesto, la vostra opera si qualifica come una peculiare vocazione laicale a servizio non solo dell'annuncio cristiano, ma anche della dignitą di ogni persona e dello sviluppo dei popoli del mondo. Mentre mi rendo interprete della gratitudine ecclesiale per la vostra generosa disponibilitą, incoraggio i soci dei 52 organismi che compongono la vostra Federazione a proseguire con entusiasmo le iniziative di sensibilizzazione per gli obiettivi che vi siete prefissati ed a perseverare con spirito evangelico nella vostra attivitą a favore di tanti fratelli e sorelle bisognosi. Accompagno il mio augurio con l'assicurazione di un particolare ricordo nella preghiera.

4. Saluto poi i Membri dell'Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti, convenuti a Roma per la celebrazione del loro Giubileo. Carissimi, la vostra benemerita associazione si propone la conoscenza, l'attuazione e la diffusione della dottrina sociale della Chiesa, contribuendo alla costruzione di una societą pił giusta e fraterna attraverso la formazione cristiana e professionale dei Soci e la collaborazione tra i soggetti dell’impresa. Accogliendo l'appello giubilare alla conversione, alla giustizia ed alla caritą, avete voluto offrire alla Diocesi di Roma il nuovo complesso parrocchiale di Santa Maria della Presentazione nel quartiere romano di Boccea. Grazie per questo nobile gesto di fattiva collaborazione alla missione evangelizzatrice del Vescovo di Roma, che suggella il lungo e benemerito impegno del vostro Sodalizio nel mondo imprenditoriale e nella societą italiana.

L'evento giubilare costituisca una rinnovata esperienza di fede e di grazia ed offra a ciascuno dei Soci della vostra Unione rinnovate motivazioni per rendere le imprese comunitą sempre pił capaci di promuovere un benessere giusto, frutto della congiunta ricerca di obiettivi economici, di valori morali e di solidale attenzione alle esigenze dei giovani e dei poveri.

5. Einen herzlichen Gruß entbiete ich den Notaren, die aus siebzehn verschiedenen Ländern Europas in die Ewige Stadt gepilgert sind. Ich freue mich, daß ihr im Rahmen eurer Wallfahrt auch dem Nachfolger Petri begegnen wollt, und danke dem Präsidenten der Österreichischen Notariatskammer für die geistliche Initiative im Heiligen Jahr.

Eure Arbeit steht im Dienst der Staatsbürger, um ihr Verhältnis untereinander ins rechte Gleichgewicht zu bringen. Möge diese Wallfahrt dazu dienen, diese hohe Aufgabe zum Wohle der Menschen zu erfüllen.

Dazu erteile ich euch gern den Apostolischen Segen.

Ą vous tous, Notaires de différents pays européens en pčlerinage dans la Ville éternelle, j’adresse mes salutations cordiales. Je vous salue également, pčlerins de la Région apostolique Provence-Méditerranée, venus de France accomplir une démarche jubilaire. Puisse le temps de l’Avent źtre pour vous et pour tous les disciples du Christ une occasion de vivre plus intensément la célébration de l’Incarnation du Seigneur, en gardant les yeux fixés sur le mystčre du salut ! Ą tous, j’accorde de grand cœur la Bénédiction apostolique !

6. Z radoscia witam Wspólnote Wyzszego Seminarium Duchownego z Tarnowa - wychowawców, profesorów, studentów. Przybyliscie do Wiecznego Miasta wraz z waszym Pasterzem ksiedzem biskupem Wiktorem Skworcem, jako pielgrzymi Roku Jubileuszowego, aby odnowic sie duchowo i zyskac laski zwiazane z tym Jubileuszem.

Rzym jest w szczególny sposób naznaczony obecnoscia swietego Piotra. Tu jest Piotr! Te slowa wypowiada sie w tym Miescie od dnia meczenskiej smierci Tego, który z woli Jezusa Chrystusa stal sie skala. W poblizu Cezarei Filipowej Szymon, syn Jony, którego Pan nazwal Piotrem, zlozyl owo wyznanie wiary, na którym jak na opoce, buduje sie Kosciól - «Ty jestes Mesjasz, Syn Boga zywego» (Mt 16, 16). Na tej wierze Piotra, mocnej jak skala, opiera sie wiara Kosciola, a zatem i nasza wiara. On pierwszy razem ze swym bratem Andrzejem zostal powolany do poslugi rybaka ludzi (por. Mk 1, 16-18). To on, w sposób tak bardzo prosty, a zarazem wzruszajacy trzykrotnie wyznal milosc wobec zmartwychwstalego Jezusa, zanim zostala mu powierzona wladza nad calym Kosciolem: «Pas owce moje!» (por. J 21, 15-19).

7. Drodzy Alumni, Chrystus obecny w Kosciele, jedyny Odkupiciel czlowieka, wzywa po dzien dzisiejszy, tak jak kiedys Piotra i pozostalych Apostolów do pójscia za Nim. Scena z powolaniem Andrzeja i jego brata Szymona Piotra w jakims sensie powtarza sie nieustannie w historii czlowieka. Chrystusowe slowa: «przyjd i chod za Mna» (por. Mt 19, 21), uslyszal równiez w glebi swej duszy kazdy z was i to wezwanie nosi w sercu, nim zyje i nim sie codziennie umacnia.

Kazde chrzescijanskie powolanie pochodzi od Boga, jest Bozym darem. Ale powolanie kaplanskie stanowi jakis szczególny dar laski, dar nieogarnionej Bozej milosci wzgledem czlowieka. Bardzo gleboko te praw-de wyrazil swiety Jan w slowach: «Nie wyscie Mnie wybrali, ale Ja was wybralem» (J 15, 16). W odpowiedzi na ten dar winnismy okazywac Bogu nieustanna wdziecznosc i gotowosc calkowitego oddania sie sprawie glosze-nia Ewangelii. Niech swiadomosc tego szczególnego wybrania mobilizuje was do troski o wlasne uswiecenie. Kaplanstwo, do którego sie przygotowujecie, winno byc dla was szczególna droga do swietosci, do zycia w wewnetrznej jednosci z Jezusem Chrystusem, bo tylko ten «kto trwa w Nim, przynosi owoc obfity» (por. J 15, 5). «Swietosc - jak napisalem w Adhortacji apos-tolskiej Pastores dabo vobis - jest zazyloscia z Bogiem, jest nasladowa-niem Chrystusa ubogiego, czystego i pokornego; jest bezgranicznym umilo-waniem ludzi i oddaniem sie ich prawdziwemu dobru; jest miloscia Kosciola, który jest swiety i pragnie, bysmy i my byli swieci, bo taka jest misja, jaka powierzyl mu Chrystus. Kazdy z was musi byc swiety, by pomagac takze braciom w realizowaniu ich powolania do swietosci» (n. 33).

8. Przybywacie w pielgrzymce do Wiecznego Miasta, aby u Grobu apostola Piotra zawierzyc Chrystusowi cala swoja przyszlosc i oprzec ja niejako na skale jego wiary i milosci. Umocnieni wewnetrznie i napelnie-ni laska, bedziecie mogli z jeszcze wieksza gorliwoscia i wspanialomysl-noscia odpowiedziec na dar powolania kaplanskiego. Na wasza posluge slowa i sakramentów, na wasze przewodnictwo na drodze do domu Ojca czekaja ludzie, zarówno w naszej Ojczynie jak i poza jej granicami. Diecezja Tarnowska cieszy sie wielka liczba kaplanów i powolan kaplanskich. Semi-narium Tarnowskie jest seminarium wyjatkowym pod wzgledem liczby kan-dydatów przygotowujacych sie w nim do kaplanstwa. Jest to wielka laska, za która winnismy goraco dziekowac Panu zniwa, ale jest to równiez i zobo-wiazanie dla waszej Diecezji, z którego wywiazuje sie bardzo dobrze. Od 25 lat kaplani Diecezji Tarnowskiej glosza Dobra Nowine na kontynencie afry-kanskim. Misyjny zapal zaprowadzil ich do krajów Ameryki Poludniowej, na Bialorus, Ukraine, az po Kazachstan. Niech ich przyklad bedzie dla was zacheta do podjecia tej wielkiej misji gloszenia Chrystusa wszystkim ludom.

9. Drodzy Alumni, zycze wam, abyscie byli wierni swemu powolaniu do konca zycia. Niech serca wasze wypelnia zawsze radosc i mlodzienczy entuzjazm. Wykorzystujcie dobrze czas, czyniac postepy wzorem Jezusa - «w madrosci i lasce u Boga i u ludzi» (por. Lk 2, 52). Budujcie wytrwale seminaryjna wspólnote na fundamencie braterstwa, modlitwy, rozwazania slowa Bozego i Eucharystii. Swiat was potrzebuje. Potrzebuje waszej swietosci i waszego autentycznego chrzescijanskiego swiadectwa. Niescie Ewangelie do ludzi naszych czasów, którzy chetniej sluchaja swiadków niz nauczycieli i sa bardziej wrazliwi na zywy przyklad niz na slowa. Polecam Bogu w modlitwie wszystkich tu obecnych i kazdego z osobna, a takze wa-szych rodziców, wychowawców i profesorów. Zawierzam was opiece Matki Najswietszej. Niech Ona towarzyszy wam na drodze przygotowania do ka-planstwa i wspomaga w realizacji kaplanskiego powolania.

Calej Wspólnocie Wyzszego Seminarium Duchownego w Tarnowie z serca blogoslawie.

Traduzione del saluto in lingua polacca:

Saluto con gioia la Comunitą del Seminario Maggiore di Tarnów: gli educatori, i professori, gli studenti. Siete giunti nella Cittą Eterna insieme al vostro Pastore Mons.Wiktor Skworc, come pellegrini dell’Anno Giubilare, per rinnovarvi spiritualmente e per ottenere le grazie unite a questo Giubileo.

Roma č segnata in modo particolare dalla presenza di San Pietro. Qui c’č Pietro! Tali parole vengono pronunciate in questa Cittą sin dal giorno della morte per martirio di colui che per volontą di Cristo č divenuto la pietra. Nei pressi di Cesarea di Filippo, Simone, figlio di Iona, dal Signore chiamato Pietro, fece quella professione di fede su cui, come su una pietra, viene edificata la Chiesa: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente" (Mt 16, 16). E’ proprio su questa fede di Pietro, forte come una roccia, che si basa la fede della Chiesa, e dunque anche la nostra fede. Egli per primo, insieme al suo fratello Andrea era stato chiamato al servizio di pescatore di uomini (cfr Mc 1, 16-18). Fu lui a confessare, in modo cosģ semplice ed insieme commovente, per tre volte l’amore verso Gesł risorto, prima che gli fosse affidato il potere su tutta la Chiesa: "Pasci le mie pecorelle" (cfr Gv 21, 15-19).

7. Cari Alunni, Cristo presente nella Chiesa, unico Redentore dell’uomo, chiama fino ai nostri giorni a seguirlo, come una volta chiamņ Pietro e gli altri Apostoli. La scena della vocazione di Andrea e del suo fratello Simon Pietro in un certo senso si ripete incessantemente nella storia dell’uomo. Ognuno di voi ha udito anche nel profondo del suo animo le parole di Cristo: "Vieni e seguimi" (cfr Mt 19, 21) e porta nel suo cuore tale chiamata, di essa vive e con essa si rafforza ogni giorno.

Ogni vocazione cristiana proviene da Dio, č dono di Dio. Ma la vocazione sacerdotale costituisce un particolare dono della grazia, il dono dell’ineffabile amore di Dio verso l’uomo. San Giovanni ha espresso molto profondamente questa veritą con le parole: "Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi" (Gv 15, 16). In risposta a un tale dono dovremmo dimostrare a Dio una costante gratitudine e la disponibilitą di donarci senza riserve alla causa dell’annunzio del Vangelo. Che la consapevolezza di questa speciale elezione vi mobiliti alla sollecitudine per la vostra santificazione. Il sacerdozio a cui vi state preparando dovrebbe essere per voi un particolare cammino verso la santitą, verso la vita di intima unione interiore con Gesł Cristo, poiché soltanto "chi rimane in Lui, fa molto frutto" (cfr Gv 15, 5). Come ho scritto nell’esortazione apostolica Pastores dabo vobis: "La santitą č intimitą con Dio, č imitazione di Cristo, povero, casto e umile; č amore senza riserve alle anime e donazione al loro vero bene; č amore alla Chiesa che č santa e ci vuole santi, perché tale č la missione che Cristo le ha affidato. Ciascuno di voi deve essere santo anche per aiutare i fratelli a seguire la loro vocazione alla santitą" (n. 33).

8. Giungete in pellegrinaggio nella Cittą Eterna per affidarvi a Cristo, presso la tomba dell’apostolo Pietro; tutto il vostro futuro č in un certo senso fondato sulla roccia della sua fede e del suo amore. Rafforzati interiormente e colmati dalla grazia, potrete con ancor maggiore fervore e generositą rispondere al dono della vocazione sacerdotale. Gli uomini, sia nella nostra Patria che fuori dei suoi confini, attendono il vostro ministero della parola e dei sacramenti, attendono la vostra guida sul cammino verso la casa del Padre. La Diocesi di Tarnów gode di un gran numero dei presbiteri e di vocazioni sacerdotali. Il Seminario di Tarnów č un seminario eccezionale sotto l’aspetto del numero dei candidati che vi si preparano al sacerdozio. Questa č una grande grazia per la quale dovremmo ringraziare con ardore il Padrone della messe, ma ciņ č anche un compito per la vostra Diocesi, che essa adempie molto bene. Da venticinque anni i sacerdoti della Diocesi di Tarnów annunziano la Buona Novella nel continente africano. Lo zelo missionario li ha condotti ai paesi del Sud America, in Bielorussia, in Ucraina, fino al Kazakhistan. Il loro esempio sia per voi un incoraggiamento ad intraprendere questa grande missione di annunciare Cristo a tutti i popoli.

9. Cari Alunni, vi auguro di essere fedeli alla vostra vocazione fino al termine della vita. Siano i vostri cuori sempre colmi di gioia e di giovanile entusiasmo. Fate un buon uso del tempo, progredendo, sull’esempio di Cristo, "in sapienza e grazia davanti a Dio e agli uomini" (cfr Lc 2, 52). Costruite con perseveranza la comunitą del Seminario sul fondamento della fraternitą, della preghiera, della meditazione della parola di Dio e dell’Eucaristia. Il mondo ha bisogno di voi. Ha bisogno della vostra santitą e della vostra autentica testimonianza cristiana. Portate il Vangelo agli uomini dei nostri tempi, i quali pił volentieri danno ascolto ai testimoni che ai maestri e sono pił sensibili ad un esempio vivente che alle parole. Raccomando a Dio nella preghiera tutti e ciascuno di voi qui presenti, ed anche i vostri genitori, educatori e professori. Vi affido alla protezione della Madre Santissima. Vi accompagni Lei sul cammino della preparazione al sacerdozio e vi sostenga nella realizzazione della vocazione sacerdotale.

Benedico di cuore tutta la Comunitą del Seminario Maggiore di Tarnów.

10. Il mio cordiale benvenuto va, infine, ai numerosi gruppi di pellegrini che partecipano a questo nostro incontro. Penso specialmente all'Associazione delle Famiglie e dei portatori di spina bifida ed idrocefalo, ai Dirigenti ed ai Soci dell'Associazione Nazionale Agenti di Assicurazione, ai Membri dell'Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali, ai Tecnici e Giocatori della Societą Basket Roma, ai Rappresentanti dell'Associazione Conciatori, agli Alpini di Martinengo ed al Coro Alpini di Lauzacco, al Gruppo Operatori Emergenza Radio di Bari ed ai pellegrini del Centro Don Orione di Bergamo. Saluto poi i fedeli provenienti da Messina, Brindisi, Santa Teresa Riva e tutti gli altri gruppi qui presenti.

Carissimi Fratelli e Sorelle, rinnovandovi la mia viva gratitudine per la vostra visita, vi invito a volgere lo sguardo verso Maria, tanto presente in questo tempo di Avvento. La Vergine Immacolata, che con il suo "" all'Angelo Gabriele ha aderito totalmente alla volontą di Dio, vi sostenga nel proposito di rendere fruttuosa la grazia del Giubileo. Vi accompagni anche la mia Benedizione, che volentieri estendo alle vostre famiglie, alle vostre comunitą di provenienza ed a quanti vi sono cari.

 

© Copyright 2000 - Libreria Editrice Vaticana

top