The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
ALLA DELEGAZIONE DELLA DIOCESI LUTERANA
DI NIDAROS (NORVEGIA)

Sabato, 16 novembre 2002

 

Caro Vescovo Wagle,
Illustri amici,

sono molto lieto di dare il benvenuto in Vaticano a questa Delegazione della Diocesi Luterana di Nidaros, a Roma in occasione della Festa di s. Olav, Patrono della Norvegia.

Ricordo bene, durante la mia visita in Norvegia e negli altri Paesi scandinavi nel 1989, il servizio ecumenico svoltosi nella Cattedrale di Nidaros, a Trondheim, con il suo Predecessore, il Reverendo Kristen Kyrre Bremer. È stato segno di nuovi e più profondi rapporti ecumenici fra noi, rapporti migliori, che nel 1993, hanno consentito alla Chiesa Luterana di permettere alla comunità cattolica di celebrare nell'antica cattedrale medievale il 150° anniversario del ripristino della Chiesa cattolica in Norvegia. Rendiamo grazie a Dio che ci ha aiutato a compiere questo progresso.

Ci impegniamo a proseguire lungo il cammino della riconciliazione. La Dichiarazione Congiunta sulla Dottrina della Giustificazione fra la Federazione Luterana Mondiale e la Chiesa cattolica, firmata nel 1999, prepara il terreno per una testimonianza comune più intensa. Ci avvicina un po' di più alla piena  unità  visibile  che  è  lo  scopo  del  nostro dialogo.

Che il Signore ci aiuti a fare tesoro di quanto abbiamo ottenuto finora e ci sostenga nei nostri sforzi volti ad accelerare il suo sviluppo mediante una cooperazione più ampia. All'inizio del nuovo millennio il Signore chiama i suoi seguaci:  "Duc in altum! Prendi il largo!" (Lc 5, 4). Che possiamo rimanere aperti all'opera sorprendente dello Spirito Santo fra noi. Dio vi benedica!

top