The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AD UNA DELEGAZIONE DI GIURISTI
DEL COMITATO PROMOTORE DEGLI STUDI
IN ONORE DI SUA SANTIT
À GIOVANNI PAOLO II
IN OCCASIONE DEL XXV ANNO DI PONTIFICATO

Venerdì, 19 dicembre 2003  

 

 

Distinti Signori!

1. Con grande piacere Vi accolgo quest’oggi per la presentazione di un esemplare del volume che raccoglie riflessioni e commenti di eminenti cultori del diritto su argomenti di grande interesse. Vi ringrazio perché, in occasione del mio XXV di Pontificato, avete voluto realizzare quest’iniziativa, che ha visto la partecipazione di quattrocentoventi giuristi di varie parti del mondo, tra cui illustri studiosi di religione ebraica e musulmana. Vi accomuna tutti la convinzione che per tutelare l’uomo e la sua dignità, come pure per perseguire il bene comune e l’intesa tra i popoli, l’unica strada da percorrere è di far valere la “forza” dello ius, nel doveroso rispetto di ogni persona, a qualunque cultura, lingua e religione appartenga.

2.  E’ quanto anch’io ho voluto sottolineare nel Messaggio per la prossima Giornata Mondiale della Pace, ricordando al tempo stesso l’importanza e l’urgenza di educare alla pace. Auspico vivamente che questa vostra opera contribuisca a meglio evidenziare il fondamentale dovere della tutela dei diritti umani, i pregi ma anche i limiti della globalizzazione, il valore dell’integrazione europea e della pace.

Vi rinnovo la mia riconoscenza per questo vostro accurato studio e, mentre formulo fervidi voti augurali per le imminenti Feste di Natale e per il Nuovo Anno, di cuore benedico Voi, le vostre famiglie e i vostri cari.   

       

top