The Holy See
back up
Search
riga

VISITA PASTORALE
DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II
A VERCELLI E TORINO (23-24 MAGGIO 1998)

REGINA COELI

Domenica, 24 maggio 1998

    

1. Si è appena conclusa la solenne celebrazione nella quale ho avuto la gioia di proclamare beati: Teresa Bracco, Giovanni Maria Boccardo e Madre Teresa Grillo Michel, tre figli di questa amata Terra piemontese, i quali vanno ad arricchire le pagine della sua storia cristiana già tanto feconda di fulgidi esempi di santità. Fra breve reciteremo insieme il Regina caeli, preghiera mariana che ci fa rivivere l'intensa gioia pasquale della Vergine davanti alla risurrezione del Figlio. Maria accompagna vigile il cammino dei credenti e la vostra Città porta molti segni di questa speciale sua protezione. Proprio di fronte a me si staglia la mole della chiesa dedicata alla Gran Madre di Dio, una delle tante che la pietà dei torinesi ha innalzato in onore della Madonna.

2. Come, poi, non ricordare la filiale devozione mariana dei numerosi Santi e Beati originari di Torino e, in particolare di san Giovanni Bosco, che coltivò sempre un affettuoso trasporto per l'Ausiliatrice, di cui oggi ricorre la memoria liturgica? Maria è Madre nostra ed aiuto vero per ogni cristiano. Con il suo generoso e perseverante "sì" alla volontà di Dio, Maria ha cooperato all'opera della salvezza, permettendo che si compisse in Lei e attraverso di Lei il misericordioso disegno di redenzione di Cristo a vantaggio dell'intera umanità. La via della fedele obbedienza, dell'eroismo che spera contro ogni speranza, l'ha condotta sino al gaudio della vita senza fine.

3. Il pensiero corre oggi spontaneamente al luogo poco distante da noi, nel quale è conservata la Sindone. L'icona della passione dell'Uomo crocifisso ci riporta al momento nel quale Maria, dinanzi all'inaudito dolore del suo Figlio crocifisso, ha vissuto la più grande prova della sua vita e l'ha superata nella fede. E' stato allora che Gesù, dall'alto della croce, ci ha affidati a Lei come figli. E Maria ci ha accolti.

Fidando nel suo amore materno, noi le chiediamo ora di intercedere per noi, per le famiglie, per i malati ed i sofferenti, per la Chiesa e la città di Torino, per l'Italia e per il mondo intero.

Le domandiamo in maniera tutta speciale di proteggere la gioventù torinese e soprattutto il folto gruppo di ragazzi e ragazze qui presenti, che hanno preso parte alla Giornata Mondiale della Gioventù a Parigi, lo scorso mese di agosto.

Con il suo aiuto possa realizzarsi nell'esistenza di ciascuno il piano della salvezza divina come è avvenuto per i tre nuovi Beati, che oggi contempliamo nella gloria del Paradiso. Grazie alla sua materna intercessione, il Signore risorto, asceso alla gloria del Padre, conceda a noi tutti l'abbondanza dei doni dello Spirito Santo, perché procediamo con generoso impegno lungo il cammino della santità, cammino che si svolge nella fede, nella speranza e nell'amore.

   

   © Copyright 1998 - Libreria Editrice Vaticana

top