The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO APOSTOLICO A RIO DE JANEIRO, IN OCCASIONE DEL
II INCONTRO MONDIALE CON LE FAMIGLIE (2-6 OTTOBRE 1997)

INCONTRO CON I COMITATI ORGANIZZATIVI
DEL II INCONTRO MONDIALE CON LE FAMIGLIE

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II

Residenza di Sumaré (Rio de Janeiro) - Domenica, 5 ottobre 1997

   

Signori Cardinali,
Cari Fratelli nell'Episcopato,
Carissimi Fratelli e Sorelle,

Prima di ritornare a Roma, ho voluto tenere questo incontro di commiato per ringraziare i membri della Commissione Organizzatrice ecclesiastica e del Governo dello Stato di Rio de Janeiro, che con tanto zelo hanno preparato la celebrazione della Giornata Mondiale delle Famiglie. Le mie felicitazioni e la mia gratitudine vanno anche a tutti gli amici e i benefattori che hanno contribuito generosamente, con il proprio tempo e i propri mezzi, al pieno successo di questo grande evento, in modo particolare al personale di servizio nella Residenza di Sumaré. Che Dio li ricompensi!

Auspico che le idee e i frutti del Congresso Teologico-Pastorale sulla Famiglia si perpetuino. Chiedo a Dio che il vivere responsabilmente, in questo «santuario della vita» (Giovanni Paolo II, Evangelium vitae, n. 6) che è precisamente la famiglia, il dinamismo che da esso deriva e le esigenze di totalità, unicità, fedeltà e fecondità che impone (cfr Paolo VI, Humanae vitae, n. 9), costituisca uno stimolo e una forza costante che facciano sorgere una nuova aurora di santità nell'ambito della famiglia cristiana.

Desidero salutare anche i Vescovi qui presenti, rappresentanti della «REDE VIDA» di Televisione e incoraggiarli a continuare in questa opera di apostolato al servizio della vita e dell'uomo. Mi congratulo con l'Arcivescovo di Botucatu, Antônio Maria Mucciolo, per questa audace iniziativa - conosciuta come il «canale della famiglia», già al suo secondo anno di vita -, e con i suoi più diretti collaboratori, auspicando che questa emittente televisiva cattolica sia sempre un valido strumento di evangelizzazione e una testimonianza efficace della presenza della Chiesa in Brasile. Che Dio benedica tutti i dirigenti e i funzionari dell'Istituto Brasiliano per la Comunicazione Cristiana!

Infine, desidero esortare tutti a proseguire con impegno nello sforzo volto a evangelizzare la società e la famiglia, e in ciò vi siano d'incoraggiamento i risultati finora ottenuti e la Benedizione Apostolica, che di tutto cuore vi imparto.

     

© Copyright 1997 - Libreria Editrice Vaticana

top