The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 17 dicembre 1967

 

Avrete certamente notizia della Nostra proposta, pubblicata l’altro ieri, di dedicare il primo giorno dell’anno civile al pensiero e al proposito della pace.

Troppo Ci sembra importante educare la mentalità del mondo nuovo al costume della pace, perché Noi non ripetiamo anche a voi questo progetto. Non è una educazione facile, né ormai acquisita quella della pace fra le nazioni e fra le classi sociali; e da buoni maestri, quali Ci obbliga ad essere il Nostro ministero, dovremo ripetere e ripetere la Nostra lezione: bisogna fondare i rapporti fra gli uomini sopra il costume della pace. Come si è riusciti nel mondo civile a sostituire fra cittadini l’amministrazione della giustizia, ispirata dalla ragione e dal diritto e esercitarla con forme temperate ed oggettive, alla vendetta privata, criminale e violenta, così bisogna riuscire a sostituire i conflitti della forza e del sangue con i metodi della trattativa giusta e pacifica.

Diciamo questo, in nome di Cristo, anche se il corso degli avvenimenti non è oggi troppo favorevole: il mondo sembra diventato una fabbrica e un mercato di armi: e quali armi! Ma vi sono anche tanti sforzi generosi e sinceri per instaurare il sistema della pace: e Noi appoggiamo questi sforzi, e come possiamo, con la preghiera specialmente, vogliamo essere fautori della buona e cristiana causa della pace nel mondo. Siamo grati a quanti aderiscono alla Nostra proposta della giornata della pace; e siamo lieti che la prima e nobilissima adesione sia venuta dal Capo dello Stato italiano.

Preghiamo dunque la Regina della Pace che benedica l’umile e convinta Nostra iniziativa.

                                            

top