The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 7 luglio 1968

 

Viene alle Nostre labbra un augurio spontaneo, che il caldo di questi giorni e la fine dell’anno scolastico rendono d’attualità: buone vacanze! Buone vacanze a voi, Romani, e buone vacanze ai forestieri qua sopravvenuti ed a quanti giunge l’eco di questo Nostro saluto domenicale.

Buone vacanze! E la mente corre al bisogno di ristoro e di riposo, che il ritmo serrato delle occupazioni abituali rende tanto sensibile, si può dire per tutti, nella nostra società organizzata severamente nell’impiego del tempo, nel rendimento del lavoro e nella monotonia e nell’uniformità delle azioni imposte dalla divisione delle singole prestazioni e dall’uso utilissimo, ma assillante delle macchine e degli strumenti, posti a servizio dell’uomo, che ne diventa fatalmente il servitore. Questo periodo di evasione e di ricreazione fisica e psichica Ci sembra veramente legittimo tanto che auguriamo che tutti, senza distinzione, ne possano godere; e pensiamo che, se bene impiegato, questo periodo diventa benefico. È questo ciò che Ci preme ricordare in questo momento spirituale.

Benefico per le forze fisiche, è chiaro. Benefico per il contatto, a cui di solito le vacanze dànno occasione, con la natura, i campi, i monti, il mare; ed è contatto propizio per la troppo trascurata contemplazione dell’opera di Dio, della creazione, del mistero delle grandi cose nel cui quadro si trova e si svolge la nostra vita, minima e fugace. Benefico per la ricomposizione della vita familiare, per il godimento degli incontri domestici e amichevoli, e per qualche bella escursione turistica insieme goduta: codesta è buona cultura. Benefico, poi, per l’opportunità che l’interruzione dei consueti impegni ci concede alla quiete del pensiero, al rifacimento interiore della coscienza, a qualche buona lettura e, senza dubbio, della meditazione sui massimi problemi della vita e del colloquio con Dio. E questo Noi vi raccomandiamo: gli avvenimenti, gravi e grandi che ci circondano, esigono da noi un ricupero spirituale e religioso. Ve lo diciamo come cosa importante; e confermiamo così l’augurio delle buone vacanze con la Nostra Benedizione.

                                                    

top