The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 11 luglio 1971

 

Questo, per la vita spirituale della Chiesa ed anche per il costume ormai comune della vacanza, è un periodo di transizione.

Sarebbe bene impiegato questo periodo se fosse dedicato all’ascoltazione. All’ascoltazione delle voci, che il frastuono delle consuete occupazioni impedisce di intendere, e che il rumore dei cosiddetti «mass-media» e l’ipnosi delle frivole canzoni di moda difficilmente ci lasciano percepire. Siamo esteriorizzati e impoveriti di parola interiore dall’assordante chiasso circostante.

Se ci è dato di godere d’un po’ di silenzio estivo, procuriamo di ascoltare innanzitutto la voce della natura, che la nostra vita artificiale ha resa quasi incomprensibile. Il cosmo - cielo, terra, vita e fenomeni della natura -, parla a chi lo sa ascoltare un linguaggio, che solo il silenzio percepisce, e che, all’apparenza facile e comprensibile ai sensi, si presenta poi pieno di segreti, misterioso, quasi pauroso: «Il silenzio eterno degli spazi infiniti mi spaventa» dice una sentenza di un celebre pensatore (PASCAL, 206). Ma per chi ascolta bene, un linguaggio metafisico, religioso anzi, subito suggerisce: «I cieli narrano la gloria di Dio» (Sal. 18, 2); e così le altre scene del mondo che esiste, e che da sé denuncia di non avere in se stesso la propria ragione d’esistere. Ritorniamo un po’ contemplatori e ammiratori del mondo creato, e traiamo da questa prima ascoltazione l’avvio alla poesia della preghiera.

Poi vi è un’altra ascoltazione che ci invita, ed è quella della Parola di Dio, della S. Scrittura, del Vangelo, che forse crediamo già di conoscere, e che invece ci aspetta a più serio e metodico dialogo. Altra sentenza da ricordare per noi cristiani specialmente: «L’ignoranza delle Scritture (sacre) è ignoranza di Cristo» (S. GIROLAMO, in Is. Prob; PL 24, 17). Non sarebbero certe ore tranquille delle vacanze da dedicare a questa ascoltazione?

E vi è una terza voce che merita d’essere ascoltata più che di solito non facciamo, quella della coscienza, rimasta per molti l’unica maestra della loro condotta. Ma è poi davvero ascoltata? Ed è maestra illuminata, o miope e cieca? Anche essa deve ascoltare la Parola interiore della verità!

Vedete quale sinfonia di voci attende la nostra attenzione!

Vi auguriamo tempo e talento per bene ascoltare. E che Maria, l’ascoltatrice per eccellenza (Luc. 1, 29; 2, 19; 2, 51; 11, 28), ci insegni quest’arte superiore dello spirito.

                                

top