The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

REGINA COELI

Domenica, 18 aprile 1971

 

Oggi: Domenica in Albis, cioè in Albis depositis, il primo giorno dopo la settimana pasquale, durante la quale i neobattezzati, nei primi tempi della Chiesa, indossavano una veste bianca, simbolo dell’acquisita innocenza battesimale, veste ch’era deposta esteriormente al termine delle festività pasquali, ma che il nuovo cristiano si proponeva di conservare interiormente, nel nuovo stile di vita assunto, anche ritornando come qualsiasi altro nell’ambiente profano alle consuete occupazioni.

Il ricordo storico-liturgico sopravvive nell’impegno morale e spirituale anche nel nostro tempo. Noi credenti dobbiamo osservare il nostro calendario religioso, grande codice di cultura e di costume. Ci dice il calendario che finite le solennità pasquali non finisce la novità di vita che esse ci hanno fatto inaugurare. Battezzati, dobbiamo conservare un candore, una integrità di coscienza e di condotta, che dovrebbero davvero qualificarci cristiani. Siamo come lampade, in cui arde una fiamma viva di grazia, accese di Spirito Santo: può spegnersi questa fiamma?

Ecco allora il problema, ch’è tutt’altro da quanto si potrebbe supporre, un problema infantile, un problema devozionale. È un problema molto concreto e molto pratico: come mantenerci cristiani, abitati dall’interiore presenza dello Spirito, in mezzo al nostro mondo, quasi del tutto laicizzato, e reso oggi tanto aggressivo da ogni forma di paganesimo tentatore, e, come ora si dice, permissivo, che permette cioè le più riprovevoli aberrazioni morali? Come immunizzarci dai troppi contagi dell’ambiente in cui si vive? Si parla oggi di ecologia, cioè di igiene e di purificazione dell’ambiente naturale fisico; molto bene. Perché non parlare anche, e a maggior ragione, dell’onestà, della dignità morale dell’ambiente umano? Facciamo voti che anche l’ecologia morale preoccupi quanti hanno a cuore e hanno responsabilità del pubblico bene. Ma intanto, noi credenti, desiderosi di coerenza, badiamo a difendere i cuori dall’inquinamento ambientale, e a ricordarci del battesimo pasquale che ci ha rigenerati uomini e cristiani.

                             

top