The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 25 giugno 1972

 

In queste ultime settimane abbiamo avuto all’udienza generale del mercoledì carissime visite di molte comitive di ragazzi e di ragazze, provenienti da Parrocchie Romane e da non poche località d’ogni parte d’Italia, tanto che si dovette riservare l’aula della Benedizione per un incontro distinto, proprio a loro riservato. Ci ha fatto un immenso piacere avere d’intorno a noi tutta quella fanciullezza innocente, lieta, festante, chiassosa, e pronta a pregare con noi, ad ascoltare una nostra parola, a ricevere la nostra benedizione, familiarmente, come ci fossimo sempre conosciuti. Avremmo voluto avere tempo per trattenerci un po’ fra tanta bellezza e tanta allegria. Un giovinetto ci portò in dono un agnellino, e ci raccomandò trepidante: «È per Lei, Santo Padre; ma non lo uccida!». Un altro, venuto a noi vicino, ci domandò timidamente e coraggiosamente: «È vero, Santo Padre, che Lei si sente solo?» quasi per dirci: noi siamo qui per farle compagnia!

Cari figlioli! sì, voi ci siete tanto vicini; voi ci circondate con la vostra vita, con la vostra giovinezza, piena di candore e di speranza!

Vorremmo ancora ringraziarvi della vostra visita. Anzi vogliamo estendere il nostro saluto a tutti i ragazzi e le ragazze, a tutti i giovani, che in questi giorni finiscono l’anno scolastico, e sentono d’aver fatto un passo in avanti, nella vita. Sì, tutti figli e amici carissimi, il Papa vi vuol bene, vi saluta, vi augura buone vacanze, e tutti vi benedice. Siate felici della vostra giovinezza; e diventando grandi sappiate conservarvi fanciulli (come Gesù vuole che tutti, grandi e piccoli, noi siamo), nella fede, nella purezza, nella capacità di giocare e d’imparare, e anche nella premura di compiere ogni giorno almeno un’opera buona, fatta proprio da voi, col cuore, col ricordo che il Signore vi vede, lo sa, e ne gode.

Lo diremo (col cuore pieno di stima e di affezione anche per loro), ai Genitori, agli Insegnanti, agli Assistenti, ai vostri amici, a quanti vi vogliono bene, affinché tutti vi aiutino a essere buoni e liberi, ed insieme bravi e forti. Cerchiamo tutti, sì, di assistere con amore e con sapienza l’infanzia e la giovinezza che crescono, e non lasciamo loro mancare la luce della vita, che è Cristo, chiedendola alla Madre per eccellenza, alla Madonna.

                                  

top