The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI PAPA PAOLO VI
AGLI AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DI MILANO

Lunedì, 16 settembre 1963

   

Signor Presidente del Consiglio Provinciale di Milano,
Signori Assessori e Signori Consiglieri Provinciali.

Siamo molto sensibili a codesta loro presenza, per ciò che Ci ricorda: la cara e magnifica Provincia di Milano, terra straordinariamente ricca e feconda di storia passata e di moderna operosità; per ciò che Ci conferma: i rapporti vicendevolmente rispettosi e cordiali fra l’Amministrazione Provinciale e l’Autorità ecclesiastica diocesana; per ciò che Ci vuol significare, la permanenza dei nobili e affettuosi sentimenti, che legarono,alla Nostra la persona di Lei, Signor Presidente, e dei suoi Collaboratori e Colleghi durante il Nostro Ministero pastorale nella arcidiocesi ambrosiana e che, con cotesto attestato di deferenza e di interesse verso di Noi, distolti ormai dalla sede milanese, ma sempre ad essa profondamente e spiritualmente congiunti, dimostrano volersi gentilmente perpetuare; per ciò infine ch’essa Ci fa comprendere della valutazione da loro attribuita alla religione cattolica, alla Chiesa, al Papa, nel quadro sintetico della vita del Nostro popolo, al cui benessere è dedicata tutta l’attività di codesta Amministrazione.

Dobbiamo pertanto vivamente ringraziare Lei, Signor Presidente, e con Lei codesti cortesi ed illustri visitatori, della venuta che tante cose a Noi dice e tanti sentimenti sveglia nel Nostro animo. E dobbiamo soggiungere che codesta visita, intesa a rendere omaggio all’Arcivescovo di Milano, chiamato dalla Cattedra dei Santi Ambrogio e Carlo a quella di S. Pietro, onora non meno chi l’ha promossa e chi vi partecipa, di persona o di adesione, perché appunto è attestato di franca fede religiosa in molti delle loro persone, e di alta sapienza civica in tutti Loro Signori. Alla Nostra riconoscenza si accompagna quindi l’espressione della Nostra compiacenza; e, com’è ovvio, dei Nostri voti.

I Nostri voti per la Provincia di Milano! Sono tanti e sono così forti, che duriamo fatica a darvi voce adeguata. Ma sono anche così aderenti alle persone, ai luoghi, alle cose, a cui sono rivolti, che non Ci è possibile tacerne qualcuno. Quello per primo, del sommo interesse, staremmo per dire: della passione, per il pubblico bene, per la vera prosperità della nostra gente, per l’intuizione dei suoi bisogni e per l’immediato e generoso sforzo di farvi corrispondere la provvida e sagace assistenza della comunità provinciale. Ci è parso vedere che tale interesse, tale passione, ha sempre animato l’animo e l’opera di Lei, Signor Presidente, e dobbiamo credere che ciò si debba dire di quanti attendono alla buona gestione di codesta importantissima Amministrazione. Ecco: auguriamo che in tutti e sempre ciò sia! È vero che il desiderio del bene pubblico costituisce una delle più comuni e delle più nobili tendenze della nostra società, ed è vero perciò che il Nostro voto non è originale, sì bene conforme ad uno dei più diffusi sentimenti del tempo nostro; ma appunto perché tale, Noi crediamo di poterlo riconoscere e confortare in ciascuno di Loro, ed appunto perché fondamentale nella psicologia del cittadino moderno, Noi vorremmo che sempre raggiungesse a Milano le più alte, le più qualificate, le più benefiche sue espressioni.

Quanto a illuminare ed a fortificare il sentimento del bene pubblico giovino la formazione e la professione della Nostra meravigliosa religione, sarebbe tema per un altro Nostro voto, rivolto ad auspicare che le grandi linee maestre della attività amministrativa d’una Provincia-pilota, com’è in Italia (e fors’anche oltre i confini italiani) quella di Milano, siano tracciate in ordine a quelle supreme finalità, umane, a quei sommi criteri civili, che caratterizzano la nostra civiltà come cristiana. Milano e la sua terra devono conservare, e non già come una maschera archeologica, ma come una fioritura di primavera, il loro inconfondibile volto, che è volto cristiano.

Ma non vogliamo ora soffermarci su questo aspetto della vita milanese, che riguarda piuttosto l’ufficio pastorale che non quello amministrativo; non rinunciamo tuttavia a mettere fra i Nostri voti per quella cara e gloriosa Provincia anche quello, già in atto del resto, relativo al culto del suo patrimonio storico, che tutti sappiamo quanto ricco di monumenti d’arte, di beneficenza di religiosità, di cultura; e che non può essere degnamente conosciuto e onorato, senza che esso diventi fonte ispiratrice per dare alla terra milanese, tutta febbrile di lavori e di traffici temporali, una animazione spirituale viva e nuova, capace di farla primeggiare anche nella sfera dei valori superiori e di assegnarle una missione originale nel mondo moderno.

Diciamo parole grandi; ma grandi sono i Nostri sentimenti di affezione, di stima, di speranza per Milano; e la bontà, che qua ha condotto coloro che presiedono allo sviluppo e al decoro della sua Provincia, non disdegnerà di accoglierle come dettate da un cuore sincero, e gradirà, Noi speriamo, di saperle avvalorate dalla Nostra Benedizione Apostolica.

            

top