The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI PAOLO VI
AI PARTECIPANTI AL I CONGRESSO INTERNAZIONALE
PER IL MINISTERO PASTORALE
E L'AZIONE SOCIALE FRA GLI ZINGARI

27 febbraio 1964

                 

«Siamo veramente felici di accogliervi oggi nella nostra dimora, diletti figli partecipanti al primo Congresso Internazionale dei Cappellani e dei Responsabili dei Gitani. Già il vostro zelante presidente, il caro Mons. Bernardin Collin, Vescovo di Digne, Ci ha fatto pervenire con un telegramma l’omaggio dei vostri deferenti sentimenti di attaccamento, e Noi abbiamo appreso con soddisfazione che avete voluto riunirvi per la prima volta accanto a Sua Eminenza il Cardinale Carlo Confalonieri, Segretario della Sacra Congregazione Concistoriale.

Ebbene, Ci felicitiamo di tutto cuore con voi per l’apostolato così prezioso che andate svolgendo con grande zelo pastorale fra tutti i nomadi. Siamo persuasi che voi comprendete meglio certi valori autenticamente evangelici ai quali gli zingari danno più importanza che non gli altri uomini. Prima di loro, il patriarca Abramo aveva ricevuto l’ordine di mettersi sulla strada e fu durante questa migrazione che egli ottenne da Dio il dono di una fede esemplare; così pure il Popolo eletto fu nomade per più di quattro secoli prima di stabilirsi nella Terra promessa, con solide tradizioni ed una fiducia totale in Dio; anche la Sacra Famiglia, con ammirevole obbedienza dovette prendere la via dell’esilio per salvaguardare la vita del Bambino Gesù.

Fede esemplare, distacco dal mondo, obbedienza e fiducia assoluta in Dio, queste sono le qualità che voi riscontrerete in grado elevato fra le pecorelle a voi affidate e che costituiscono la base efficace per il vostro ministero.

I nostri incoraggiamenti paterni vi accompagnino nella vostra azione pastorale. Ancora invochiamo di gran cuore una larga effusione di divini favori sul vostro lavoro e sulle vostre persone, cari figli, senza dimenticare tutti coloro ai quali voi vi donate senza risparmiarvi, e vi importiamo una specialissima benedizione apostolica».

                

top