The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI PAOLO VI
AI PARTECIPANTI ALL'VIII CONGRESSO NAZIONALE
DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI MAESTRI CATTOLICI

Domenica, 19 settembre 1965

 

Salutiamo con molto piacere il più numeroso gruppo di questa sacra assemblea, e cioè i partecipanti all’ottavo Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana dei Maestri Cattolici. Sappiamo che questa religiosa celebrazione vuole commemorare il ventennio della istituzione dell’Associazione medesima, e che perciò i ricordi d’un non breve e non inerte periodo della sua vita qua affluiscono per accrescere la pienezza spirituale di quest’ora; vengono alla memoria i primi passi della via dell’Associazione, e Ci piace rammentare la fortuna e l’onore che Noi pure, allora al servizio del grande Papa, amico, protettore e maestro del vostro sodalizio, Pio XII, avemmo di occuparci dei vostri statuti e delle vostre prime attività. Siamo lietissimi di accogliervi ora, dopo vent’anni, e di ritrovare in voi, sempre ardente e fedele, lo spirito delle vostre origini, e di riconoscere inoltre il grande e benefico lavoro compiuto, i meriti conseguiti e le promesse ancora fresche che distinguono le vostre file. Sta bene che insieme ringraziamo il Signore, che ha benedetto le vostre aspirazioni e sorretto le vostre fatiche, che vi ha dato il dono della perseveranza e vi dà ora l’energia del rinnovamento e della speranza. Vogliamo poi compiacerci con chi vi ha guidati lungo il non facile cammino, con tanta saggezza e con tanta dedizione; come vogliamo salutare voi, Maestri e Maestre qui presenti e quanti e quante qui rappresentate, per l’adesione che avete dato e che date alla vostra magnifica Associazione. Vogliamo qui dare un meritato riconoscimento a codesta Associazione.

Essa si attesta fra i migliori reparti organizzati della vita cattolica italiana; essa fa onore alla categoria dei Maestri Italiani, che hanno saputo unirsi in un organismo così sano, così intelligente, così provvido; e torna a vantaggio ed a prestigio della Scuola Italiana, la quale dispone di voi come di una forza ordinata, spontanea, appassionata della missione educatrice della scuola del popolo. Devono essere grati a voi quanti hanno a cuore l’incremento della formazione delle nuove generazioni, quanti pensano e desiderano uno sviluppo pedagogico e didattico conforme ai presenti e crescenti bisogni della società contemporanea, quanti hanno responsabilità nella guida, sia ideale che amministrativa, della nostra Scuola, e quanti, genitori ed educatori, sanno che alle vostre mani i figli della nostra gente sono egregiamente affidati, come quelle che li accolgono con la riverenza sacra dovuta al fanciullo e con l’affezione, la tenerezza, la sollecitudine proprie di chi, come voi, sa la responsabilità della delega a voi fatta dalle famiglie, e sa d’essere, insegnando ed educando, al delicatissimo e degnissimo servizio sia della società civile, che della comunità ecclesiale.

Noi dobbiamo pertanto riconoscere e incoraggiare l’opera alla quale principalmente vi impegnano i vostri Statuti: quella cioè della formazione culturale, morale, spirituale del Maestro. Non si può esercitare un ufficio, svolgere una missione, rispondere ad impegni responsabili senza una accurata, convinta, ideale preparazione e senza un’assidua e sempre ricorrente formazione. La funzione del Maestro lo esige. L’arte del Maestro lo reclama. Il travaglio della vita moderna lo impone. Un Maestro è una guida, un veggente; ha bisogno di avere l’occhio aperto e sperimentato lui stesso, se deve aprire il cammino alle schiere giovanili che gli sono affidate. Il Maestro dev’essere saturo di esperienza umana, non solo subita, ma riflessa e pensata alla luce di grandi principii, quali solo la concezione cristiana della vita può dare. Il Maestro dev’essere sempre vigile e sapiente; sempre capace non tanto di ripetere un ritornello didattico, o di far leggere un libro, quanto di cavare dal suo spirito, dallo stile vivo della sua interiore esperienza quel timbro, quella bontà, quell’autorità di parola e di esempio, che da un lato modellano e plasmano senza sforzo coercitivo il fanciullo e lo qualificano discepolo, cliente ed amico e figliuolo suo, e dall’altro fanno assurgere l’insegnante alla statura che lo qualifica e lo definisce: Maestro!

Perciò l’opera a cui si dedica soprattutto la vostra Associazione è degna d’encomio e riesce provvidenziale nel contesto delle esperienze a cui è soggetta la vostra professione: essa integra, essa approfondisce, essa ravviva la formazione propriamente culturale; essa ristora, essa rinfranca, essa allieta e conforta le forze morali che l’esercizio professionale facilmente logora e spesso avvilisce; essa infine rischiara e riscalda lo spirito del maestro ponendolo a contatto con le sorgenti della meditazione religiosa e dell’effusione della Grazia divina. È opera, ripetiamo, nobile e provvida, che da sé difficilmente un Insegnante saprebbe procurarsi o altrove cercherebbe.

Anzi Noi pensiamo che codesta formazione possa costituire l’apporto prezioso e originale che il Maestro cattolico può offrire oggi alla Scuola. Gran parlare oggi si fa del progresso scolastico; e saremo fra i primi ad auspicarlo, a promuoverlo ed a benedirlo. E proprio perché vediamo con piacere e con fiducia l’interessamento sia delle Autorità, che dell’opinione pubblica all’incremento della Scuola, Noi facciamo voti che esso non si limiti ad uno sviluppo puramente strumentale e assistenziale, ma che si estenda al campo pedagogico, alla funzione formativa propria della Scuola, all’addestramento alla vita morale e spirituale, senza di che i risultati veramente umani e civili dello sforzo scolastico potrebbero essere di dubbia efficacia e di dubbio valore. Ed ecco allora il merito peculiare del vostro contributo al progresso scolastico: voi offrite alla Scuola Maestri di alto valore morale e professionale; ed è ciò che più conta.

Maestri profondamente e sapientemente educati possono essere Maestri educatori. E ciò precisamente per il felice conseguimento dello scopo che avete prefisso allo studio del presente Congresso; quello cioè di rendere sempre più idonea la Scuola del popolo a preparare una gioventù imbevuta di vero senso sociale e di virtù democratiche, cioè veramente civili, comunitarie, sociali, rispettose non meno della libertà, che dell’ordine spontaneo e cosciente, quale si conviene alla società moderna e fondata sulla concezione cristiana della vita.

Vi auguriamo perciò ogni bene: per le vostre persone, che hanno scelto la sublime missione di servire la Scuola; per le vostre Scuole, che speriamo sempre irradiate dai sereni ed incomparabili ideali del cattolicesimo; per i vostri Colleghi e Colleghe, a cui pure mandiamo il Nostro rispettoso é cordiale saluto; per la vostra Associazione infine, per la quale facciamo voti di sempre nuovi sviluppi, e alla quale, con i suoi Dirigenti e Soci, presenti ed assenti, di cuore benediciamo.

                                              

top