The Holy See
back up
Search
riga

SALUTO DI PAOLO VI
AI LAUREATI DI AZIONE CATTOLICA

Domenica, 28 agosto 1966

 

Il Santo Padre intrattiene i Laureati di Azione Cattolica con provvida esortazione, soffermandosi a sottolineare l’importanza del tema prescelto per le giornate di studio testé concluse.

L’uomo alla ricerca di Dio. L’Antico e il Nuovo Testamento, i Padri e i Dottori della Chiesa trattano ampiamente questo vitale argomento. Basterebbe, per limitarsi ad una sola citazione, rileggere l’Itinerarium mentis in Deum di S. Bonaventura. Ma l’uomo odierno in quale modo si comporta?

Mentre nelle anime semplici la fede procede limpida, serena, e sfocia tranquillamente nella sicurezza di raggiungere l’incontro ed il colloquio con Dio, il moderno pensatore, che vuole essere autosufficiente, solleva un gran numero di difficoltà, problemi di vario genere e conclude dichiarando di sentirsi molto stanco in un cammino interminabile. Non pochi vi sono, specie nel campo della letteratura contemporanea, i quali si sentono più distanti da Dio di quanto lo fossero i dubbiosi o i miscredenti dei secoli scorsi, ovvero talune scuole del passato; anzi arrivano persino a fantasticare sul «silenzio» di un Dio troppo lontano.

Il cattolico invece sa come superare l’incalcolabile distanza tra Dio e l’uomo; riesce ad ascoltarlo, sente in ogni circostanza la paterna presenza di Lui.

Questa sublime realtà è già posta in risalto da San Paolo, allorché, parlando agli Ateniesi nell’Areopago, annuncia la sapienza creatrice di Dio, sì che l’uomo può agevolmente cercalo e trovarlo, poiché Egli non è «longe ab unoquoque nostrum».

Il Santo Padre aggiunge che suprema letizia dei seguaci di Cristo è l’adesione a quanto lo stesso Salvatore del mondo ci ha insegnato: una fiducia sconfinata nel Padre Celeste; e, soprattutto, un ardente amore per Lui, Principio di ogni perfezione e di completa felicità.

                                              

top