The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI PAOLO VI
AI MEMBRI DELLA COMPAGNIA AEREA «ALITALIA»

Giovedì, 27 aprile 1967

 

Salutiamo il conte Nicolò Carandini, Presidente della Compagnia Aerea «Alitalia», e con lui salutiamo i Vice Presidenti, Generale Urbani e On. Giacchero, l’Amministratore Delegato, Ingegner Velani, e il Direttore Generale, Dottor Saracino.

E salutiamo di gran cuore voi, diletti membri tutti della Società, che avete ricevuto oggi un particolare riconoscimento per i vent’anni di ininterrotto servizio, in essa prestato, che coincidono con i vent’anni di vita della Società medesima.

Data per voi doppiamente significativa e importante, Signori Dirigenti e Maestranze della Compagnia Aerea; data ricca di ricordi e certo di emozioni, che ben meritava codesta vostra particolare solennità, e la costituzione, come Ci è stato annunziato, della nuova «Associazione fra gli anziani», che raccoglie appunto i più benemeriti e fedeli artefici dell’odierno incremento dell’«Alitalia». E Noi siamo ben lieti di portare, per parte Nostra, come il suggello e il compimento alla vostra soddisfazione.

Ci sentiamo infatti assai obbligati verso di voi, poiché il solo pronunciare il nome di codesta Compagnia porta al Nostro pensiero, più vivi e suggestivi, i ricordi dei voli compiuti con voi verso mete lontane di edificazione, di apostolato e di carità, a cui Ci ha portato, come con un balzo prodigioso e rapidissimo, la perfetta efficienza dei vostri servizi: Terra Santa, India (nel ritorno), Nazioni Unite. Sono state come altrettante pietre miliari, che hanno segnato il Nostro passaggio sulle vie del mondo per evangelizzare la pace (cf. Is. 52, 7; Rom. 10, 15); sono stati come altrettanti microfoni levati sul mondo, per farvi giungere, umile e ferma, la parola del Successore di Pietro, del Vicario di Cristo. Voi avete contribuito, forse oscuramente, certo fedelmente e sempre generosamente a questa irradiazione su scala mondiale del verbo cristiano e romano, per la quale il Signore si è servito delle Nostre modeste forze: e di questo, ancora una volta, Ci è grato esprimervi tutta la Nostra obbligazione e la Nostra stima.

Ma questa stima vi è dovuta oggi per un titolo tutto particolare: per i meriti che vi siete acquistati nei vent’anni di attività spesa per la vostra Compagnia. Altri vi diranno il valore umano, sociale, tecnico, economico, che tale dedizione ha portato e porterà sempre con sé: altri vi concederanno distinzioni e riconoscimenti più che graditi a voi, più che dovuti alla vostra fedeltà, certo impari alla carica immensa, che significa la vita di un uomo, quando è impiegata lealmente e coscientemente nel proprio dovere a servizio della società; ma a Noi, che rappresentiamo in terra il Signore, lasciate dire l’impareggiabile valore spirituale) sacro, diremmo, di codesta offerta quotidiana, se compiuta con debiti sentimenti e rinnovata come su di un altare; a Noi lasciate indicare il premio più alto e vero, che vi aspetta, la ricompensa promessa a chi sa guardare oltre il velo greve del tempo, oltre il peso faticoso del quotidiano affanno, per edificare sulla roccia dell’eternità: e voi ben sapete che tutto quello che avremo fatto quaggiù, sorretti dalla fede, dalla speranza, dall’amore cristiano, non andrà perduto come un qualcosa di effimero, ma rimane e fruttifica e zampilla qui in pace della coscienza, e in merito di Vita eterna. Ed è quanto anche il Concilio Vaticano II ha promesso a tutti gli uomini di buona volontà, chiamandoli alla collaborazione generosa per l’elevazione del mondo, nell’attesa del traguardo finale: «E infatti - hanno detto i Padri del Concilio - i beni, quali la dignità dell’uomo, la fraternità e la libertà e tutti questi buoni frutti della natura e della nostra operosità, dopo che li avremo diffusi sulla terra nello Spirito del Signore e secondo il suo precetto, li ritroveremo poi di nuovo, ma purificati da ogni macchia, illuminati e trasfigurati, allorquando il Cristo rimetterà al Padre il regno eterno ed universale, che è “regno di verità e di vita, regno di santità e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace”» Cost. past. Gaudium et spes, n. 39).

Noi vi esortiamo a continuare con gioia nel vostro così fruttuoso e segnalato impegno, e vi auguriamo di raccogliere in esso ogni più bella soddisfazione umana e spirituale; e mentre ancora vi ringraziamo per la vostra venuta, a tutti voi, qui presenti, impartiamo la Nostra particolare Benedizione Apostolica, che amiamo estendere ai vostri cari lontani, e a tutti i colleghi della Compagnia Aerea «Alitalia», ai quali porterete l’espressione del Nostro ricordo e del Nostro affetto.

                                                                                                

top