The Holy See
back up
Search
riga

SANTA MESSA DI CHIUSURA DEL GRANDE GIUBILEO IN TERRA SANTA, PRESIEDUTA A BETHLÉEM DALL’INVIATO SPECIALE DEL SANTO PADRE

OMELIA DEL CARDINALE ROGER ETCHEGARAY

2 gennaio 2001

 

Quando, mercoledì 22 marzo scorso, il Papa Giovanni Paolo II venendo dalle rive del Giordano giunse in elicottero a Betlemme, ecco quali furono le sue primissime parole: "Qui, dalla Vergine Maria, è nato Gesù; tali parole scritte sul luogo in cui, secondo la tradizione, Gesù è nato, costituiscono il motivo del Grande Giubileo dell'Anno 2000. Esse sono il motivo della mia visita di oggi a Betlemme". Tutta Betlemme nel Giubileo e tutto il Giubileo in Betlemme, tale è la visione, inglobante e unificatrice di Giovanni Paolo II.

Ed ora, in questo 2 gennaio dell’Anno 2001, chiamato a chiudere l' Anno Giubilare per tutte le diocesi della Terra Santa, grande è la mia emozione nel compiere un gesto simbolico che sottolinea la permanenza dello stesso legame tra Betlemme e la storia della salvezza ieri, oggi e sempre. Sento ancora, sulla Piazza della Mangiatoia, il patriarca Michel Sabbah dire a Giovanni Paolo II, all’inizio della Messa: "Qui il mistero di Dio si è rivelato al mondo, ai poveri e ai semplici nella persona dei pastori, ai re e ai grandi nella persona dei Magi".

La grazia dei cristiani di Terra Santa; di Betlemme in particolare, è di potersi nutrire del Vangelo come di un concentrato forte e semplice. E in questo spirito che san Girolamo è venuto un tempo a vivere in queste grotte. Straordinaria forza evocatrice, stimolante e attiva del presepio per chi vi si accosti con animo di fanciullo. Nella sua omelia il Papa ci diceva: "Oggi, ci volgiamo verso un momento di duemila anni fa, ma con lo spirito abbracciamo tutti i tempi. Siamo riuniti in un solo luogo, ma includiamo il mondo intero. Celebriamo un fanciullo appena nato, ma ci stringiamo a tutti gli uomini e a tutte le donne di ciascun luogo. Oggi, proclamiamo con forza in ogni luogo e a ogni persona: "Che la pace sia con voi! Non temete niente."

Colgo questa occasione per ringraziare vivamente il vostro Comitato del Giubileo per tutto ciò che ha intrapreso con fede infondendo così un'anima a questo Anno Santo che termina. Da Roma ne ho seguito tutte le vicissitudini ma anche la vostra tenacia nell'osservare il calendario che vi siete dato. Le vostre dichiarazioni, le vostre iniziative ecumeniche sono state delle tappe importanti sul cammino dell'unità visibile di tutte le Chiese. Vi sareste augurati una Terra Santa più pacificata per accogliere i pellegrini, in primo luogo quelli della vostra regione, che avete la missione di introdurre nello spirito e nella lettera del Vangelo. Ma quella pace non si decreta, non dipende solo da un processo diplomatico, deriva da una conversione degli spiriti e dei cuori, si fonda sulla dignità di ogni uomo rispettato, senza discriminazione e fastidi, fin nella libera circolazione in campo sociale e professionale. Se la giustizia e la verità non sono uguali per tutti, non sono giustizia e verità per nessuno.

È a Betlemme che Giovanni Paolo II ha menzionato anche il vostro Sinodo pastorale che allora si era appena concluso. "Dal frutto infatti si conosce l'albero" dice il Vangelo (Mt 12,33). Spetta a ciascuna delle vostre Chiese di fare tutto perché gli orientamenti sinodali prendano carne e vita nel profondo dell'esistenza quotidiana. La constatazione è la stessa: abbiamo ovunque dei bei testi, elaborati con cura, ma cosa ne facciamo sul nostro terreno di aratura? Più il suolo è arido o isterilito e più ha bisogno del sole della riconciliazione e della speranza per essere fertilizzato.

Riconciliazione e speranza, ecco due bei raggi con i quali l'Anno Santo non ha cessato di irradiare l 'umanità e che devono riscaldare coloro che vedono tutto traballare e sprofondare nella notte dell’errore e della vergogna.

Riconciliazione. Ecco una parola di stagione che si può cogliere su tutte le labbra ma che si tratta di fare fiorire nel cuore delle nostre vite. Siete testimoni di scene atroci che sono la prova di esistenze indurite dalla disperazione e dalla vendetta. Avete trascorso notti da incubo molte delle vostre case, sono state distrutte. Non vi è vera e duratura riconciliazione senza misurare la profondità del male e il prezzo del perdono. Qui soprattutto la riconciliazione è senza misura e senza prezzo. Dio solo può aiutare a riconciliarsi. La pace non può essere che il prodotto della giustizia ma la giustizia non può essere appagata che dall' amore misericordioso di cui Dio ha il segreto, un segreto che ciascuno di noi del resto conosce per esperienza.

Speranza. Ecco un'altra parola che, come la riconciliazione, richiede coraggio. Oggi la speranza è messa qui a dura prova, fino alla prova della paura, la prova più dannosa poiché la paura abbrutisce l'uomo: l'uomo che ha paura abbaia o si rintana, non è più un uomo. Di fronte alla disperazione dai mille volti o dalle mille maschere, dobbiamo "sperare oltre ogni speranza" da buoni figli di Abramo. Se vi è un luogo dove deve essere decretato lo stato di speranza è proprio Betlemme. Siate la speranza di coloro che hanno perduto il gusto di vivere, il gusto di vivere insieme. Siate la speranza di quegli innumerevoli rifugiati che, come diceva il Santo Padre a Deheisheh, conoscono "la permanenza di situazioni che sono difficilmente tollerabili".

Il Vangelo non anestetizza le vostre sofferenze, le vostre angosce, neppure riconcilia magicamente i popoli. Ma offre, nel mistero di Dio fatto uomo a Betlemme, una provvista inesauribile di speranze a quelli che sarebbero tentati di disperare di se stessi. Dio ha più fiducia nell'uomo di quanto non ne abbia l'uomo stesso.

Quale immagine biblica lasciarvi alla fine del vostro Anno Giubilare? Riprendo semplicemente l'appello del profeta Isaia: "Allarga lo spazio della tua tenda... (54,2).La visita in Terra Santa del pastore universale Giovanni Paolo II ha provocato come un movimento di dilatazione della speranza e ha consentito di intravedere un'immensa "tenda di Dio" sotto la quale, fianco a fianco, gomito a gomito, si riuniscono tutti i popoli nelle loro peregrinazioni terrestri. Insieme, sentiamo il canto; mai passato di moda, degli angeli a Betlemme: "Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace sulla terra agli uomini che ama".

Amen.

                

top