The Holy See Search
back
riga

 © PFARRKIRCHEN STIFTUNG ST. LAMBERT SEEON
Via Crucis, Felix Anton Scheffler - 1757
Chiesa di San Martino - Ischl, Seeon (diocesi di München) - Germania

TERZA STAZIONE
Gesù cade per la prima volta

   

V/. Adoramus te, Christe, et benedicimus tibi.
R/. Quia per sanctam crucem tuam redemisti mundum.
 

Dal libro del profeta Isaia. 53, 4-6 

C. Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze,
si è addossato i nostri dolori
e noi lo giudicavamo castigato,
percosso da Dio e umiliato.
Egli è stato trafitto per i nostri delitti,
schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui;
per le sue piaghe noi siamo stati guariti.

V. Noi tutti eravamo sperduti come un gregge,
ognuno di noi seguiva la sua strada;
il Signore fece ricadere su di lui
l’iniquità di noi tutti.

  

MEDITAZIONE

Secondo il pensiero umano, Dio non può cadere
... e invece cade. Perché?
Non può essere un segno di debolezza,
ma soltanto un segno d’amore:
un messaggio d’amore per noi.

Cadendo sotto il peso della croce,
Gesù ci ricorda che il peccato pesa,
il peccato abbassa e distrugge,
il peccato punisce e fa male:
per questo il peccato è male![1]

Ma Dio ci ama e vuole il nostro bene;
e l’amore lo spinge a gridare ai sordi,
a noi che non vogliamo sentire:
“Uscite dal peccato, perché vi fa male.
Vi toglie la pace e la gioia;
vi stacca dalla vita e fa seccare dentro di voi
la sorgente della libertà e della dignità”.

Uscite! Uscite!


[1] Ger 2, 5. 19; 5, 25.

 

PREGHIERA

Signore,
abbiamo smarrito il senso del peccato!
Oggi si sta diffondendo, con subdola propaganda,
una stolta apologia del male,
un assurdo culto di satana,
una folle voglia di trasgressione,
una bugiarda e inconsistente libertà
che esalta il capriccio, il vizio e l’egoismo
presentandoli come conquiste di civiltà.

Signore Gesù,
aprici gli occhi:
fa’ che vediamo il fango
e lo riconosciamo per quello che è,
affinché una lacrima di pentimento
ricostruisca in noi il pulito
e lo spazio di una vera libertà.
Aprici gli occhi,
Signore Gesù!

    

Tutti:

Pater noster, qui es in cælis:
sanctificetur nomen tuum;
adveniat regnum tuum;
fiat voluntas tua, sicut in cælo, et in terra.
Panem nostrum cotidianum da nobis hodie;
et dimitte nobis debita nostra,
sicut et nos dimittimus debitoribus nostris;
et ne nos inducas in tentationem;
sed libera nos a malo.

O quam tristis et afflicta
fuit illa benedica
mater Unigeniti!



 

© Copyright 2006 - Libreria Editrice Vaticana

   

 

top