The Holy See Search
back
riga

VIAGGIO DI SUA SANTITA' GIOVANNI PAOLO II 
IN ARMENIA
 
in occasione del 1700░ anniversario 
della proclamazione del Cristianesimo 
come religione ufficiale del Paese 
25-27 settembre 2001

PRESENTAZIONE

I. La visita in Armenia 

Dal 25 al 27 settembre 2001 avrÓ luogo la visita del Santo Padre Giovanni Paolo II in Armenia. Si tratta in realtÓ di un vero e proprio pellegrinaggio alle sorgenti della fede di quel popolo, che celebra quest'anno il 1700░ anniversario della sua conversione al cristianesimo.

╚ in tale clima che questo antichissimo popolo cristiano, per tradizione il primo fra tutti i popoli a riconoscere il cristianesimo come religione della nazione, si prepara ad accogliere il Vescovo di Roma.

La caratteristica di questo pellegrinaggio Ŕ la sua natura ecumenica: l'incontro con la Chiesa armena apostolica non sarÓ solo un momento della visita: per tutto il tempo il Santo Padre e il Catholicos, S.S. Karekin II, compiranno insieme i vari gesti previsti dal programma; insieme benediranno i fedeli; il Papa abiterÓ nella casa del Catholicos. Questi offrirÓ al Santo Padre il grande altare sul quale la Chiesa armena apostolica celebra i grandi avvenimenti del suo Giubileo. Su quell'altare Giovanni Paolo II celebrerÓ l'Eucaristia per la comunitÓ cattolica. Durante questa celebrazione il Catholicos rivolgerÓ la sua parola ai presenti. Il Catholicos e il suo seguito saranno quindi ospiti in un edificio che appartiene alla comunitÓ armena cattolica, per un momento di convivialitÓ.

L'incontro del Papa con la comunitÓ armena cattolica, che tanto ha sofferto accanto ai fratelli della Chiesa apostolica, sotto il regime ateo, si svolge dunque in un clima di caritÓ e di accoglienza, che costituisce un punto di riferimento emblematico.

 

II. Le celebrazioni liturgiche 

1. Visita della chiesa cattedrale (Etchmiadzin, martedý 25 settembre 2001, ore 14.15). 

Si tratta di un momento di preghiera per accogliere il Santo Padre nella chiesa Cattedrale, durante il quale si cantano gli inni propri di S. Gregorio Illuminatore e in riferimento all'Altare della Discesa dell'Unigenito.

Si recita il salmo 122 (121) e la preghiera propria di ingresso all'altare.

Il Santo Padre e il Catholicos rivolgono un breve saluto al popolo presente.

Il momento di preghiera si conclude con l'orazione del Signore e la benedizione solenne impartita da Sua SantitÓ Giovanni Paolo II e Sua SantitÓ Karekin II. 

 

2. Momento di preghiera per le vittime del popolo armeno nell'anno 1915 (Yerevan, Memoriale di Tzitzernakaberd, mercoledý 26 settembre 2001, ore 11.30). 

╚ la preghiera per i defunti che viene celebrata per tutte le vittime del primo olocausto del XX secolo.

Di fronte alla fiamma perenne il Santo Padre e il Catholicos pregano insieme per la salvezza delle anime di tutti i caduti del grande massacro e per la pace del mondo.

 

3. Celebrazione ecumenica, (Yerevan, Nuova Chiesa Cattedrale Apostolica di San Gregorio Illuminatore, mercoledý 26 settembre 2001, ore 18.30).

La celebrazione ecumenica Ŕ incentrata sull'ascolto della Parola di Dio, a cui segue la Professione di fede, una preghiera universale e lo scambio del bacio della pace. La venerazione delle reliquie di S. Gregorio Illuminatore, dono del Sommo Pontefice alla nazione armena, segna il culmine di questa celebrazione. La preghiera ecumenica Ŕ conclusa dalla consueta benedizione finale.

 

4. Celebrazione della eucaristia in Rito Romano presieduta dal Santo Padre Giovanni Paolo II (Etchmiadzin,'Altare all'aperto', giovedý 27 settembre 2001, ore 9.30). 

Si celebra l'Eucaristia di San Gregorio Illuminatore. Concelebrano con il Santo Padre i Vescovi e i sacerdoti cattolici dell'Armenia e altri invitati provenienti da diversi Paesi.

Il Santo Padre e il Catholicos fanno il loro ingresso insieme e venerano l'altare. Il Catholicos rivolge il suo discorso al Santo Padre e ai presenti e partecipa quindi alla celebrazione dalla sede per lui predisposta.

Al momento del segno di pace il Papa e il Catholicos si scambiano un abbraccio di comunione fraterna. Al termine della celebrazione benedicono insieme l'assemblea.

Alla celebrazione prendono parte cattolici provenienti dalle diverse regioni dell'Armenia e anche dai Paesi vicini. Per favorire la partecipazione del popolo sono stati inseriti alcuni elementi propri del Rito armeno; in particolare la Liturgia della Parola alcune preghiere e i canti della Messa sono in lingua armena.
 

5. Visita di congedo dalla chiesa cattedrale (Etchmiadzin, giovedý 27 settembre 2001, ore 16.30).

╚ un momento di preghiera di congedo dal Catolicossato di Etchmiadzin, durante il quale si cantano ancora gli inni che si riferiscono a S. Gregorio Illuminatore e all'Altare della Discesa dell'Unigenito.

Dopo la preghiera del Signore il Santo Padre e il Catholicos impartono una benedizione solenne all'assemblea riunita.

 

6. Visita alla cappella del pozzo di San Gregorio (Khor Virap, giovedý 27 settembre 2001, ore 17.30).

Prima della partenza dall'Armenia il Santo Padre accompagnato dal Catholicos si reca a Khor Virap, al pozzo delle sofferenze di San Gregorio Illuminatore.

Mentre il coro canta un inno dedicato alla Chiesa, una fiaccola prelevata dal pozzo viene consegnata dal Catholicos al Santo Padre quale segno della fede del popolo armeno. Questa fiaccola sarÓ portata a Roma.

Il Santo Padre e il Catholicos escono dalla cappella e dicono con l'assemblea la preghiera commemorativa del 1700░ anniversario del Cristianesimo in Armenia; infine impartono la benedizione al popolo riunito nella piazza.

 

***

Oltre alle celebrazioni ufficiali il programma del viaggio prevede anche la celebrazione di una Santa Messa del Santo Padre nella Cappella della Sede Apostolica (Etchmiadzin, mercoledý 26 settembre 2001).

 

III. Il Messale

La ricchezza delle celebrazioni nella Liturgia Armena e nel Rito Romano sono contenute nel presente Messale edito a cura dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice.

Il volume, stampato dalla Tipografia Vaticana, Ŕ stato preparato con la collaborazione degli esperti di liturgia. A tutti coloro che hanno collaborato alla preparazione del volume Ŕ rivolto un cordiale ringraziamento per la fraterna e generosa collaborazione.

Il 'Messale' Ŕ destinato in modo particolare all'uso del Santo Padre, ma pu˛ servire anche per i concelebranti e per la proclamazione delle letture e di altri testi.

Il volume riporta, dopo la Presentazione, i testi completi e le rubriche delle celebrazioni liturgiche secondo l'ordine cronologico del loro svolgimento.

I testi e le rubriche sono riportati in lingua italiana, latina e inglese, con la rispettiva traduzione in armeno riportata a fianco.

╚ anche riportato il testo in latino della Santa Messa del Santo Padre prevista nella Cappella della Sede Apostolica di Etchmiadzin e alcuni formulari di benedizioni e preghiere in lingua latina.

 

IV. Testimonianza viva di fratellanza in Cristo

Il viaggio del Papa Giovanni Paolo II in Armenia in occasione del 1700░ anniversario della conversione al cristianesimo Ŕ una testimonianza viva di fratellanza in Cristo tra la Chiesa Armena e la Chiesa di Roma.

Ristabilire la comunione delle Chiese e l'unitÓ del Corpo di Cristo Ŕ l'unica mŔta che spinge ad źandare oltre╗ continuamente, nella volontÓ di dimenticare se stessi per ritrovare Cristo.

 

 

top